Il futuro del Pd in quattro minuti

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso dell’assemblea costituente del Partito Democratico è andato in scena un confronto tra i quattro candidati alla segreteria. Stefano Bonaccini, l’ultimo a prender parola, ha ribadito la necessità di “non intrappolarsi su discussioni distanti dai cittadini”. “Il percorso congressuale si è rivelato troppo lungo – ha sottolineato – mesi e mesi per fare un congresso di fa apparire all’esterno marziani”. “Dobbiamo aprirci a coloro che hanno smesso di credere nella politica – evidenzia Elly Schlein – Il nostro compito non è solo quello di eleggere un nuovo gruppo dirigente, ma di scrivere insieme una storia nuova”. Paola De Micheli, prima a intervenire tra i candidati, si è soffermata sul tema dell’unità: “Sono favorevole, ma non inseguiamo l’unanimismo – spiega – Ha creato molti danni che ci hanno lacerato, mettendo dirigenti con le spalle al muro. Diciamoci sempre le cose in faccia”. Infine Gianni Cuperlo, concludendo il suo intervento, ha ribadito la necessità di rilanciare l’immagine della comunità democratica. “Io ci credo nel PD, ci ho sempre creduto. Leggo ironie e sarcasmo, a volte la denigrazione. In questo momento non ci sono Sturzo e Gramsci, ma non siamo neanche Brancaleone da Norcia. Dobbiamo riscattare la nostra storia”.

a cura di Luca Pellegrini

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source