Il marito alla promessa sposa: “Sei stata infedele, ti regalo la libertà”

Pubblicità
Pubblicità

Una storia che sembrava d’amore, che si è rivelata di infedeltà, di “panni” lavati inizialmente tra amici e poi, in maniera inarrestabile, sui media. Dopo i rumors e i chiacchiericci che imperversano da una settimana sul pettegolezzo per il tradimento dell’anno, raggiungendo le orecchie della Torino bene sotto l’ombrellone, la pubblica penitenza di Cristina Seymandi ha raggiunto il suo apice.

L’ex collaboratrice di Chiara Appendino (poi candidata con Damilano in Torino Bellissima) nei giorni scorsi era stata “sbugiardata” dal fidanzato, promesso sposo, in una festa privata organizzata da Massimo Segre, rampante manager della finanza subalpina, forti legami con Carlo De Benedetti, nella sua villa in collina.

Quando tutti pensavano di festeggiare nell’afa l’annuncio delle loro nozze, già rimandate tre volte, è sceso il gelo e il silenzio della vendetta di un cuore infranto, quello del promesso sposo. E il video pubblicato dal sito Lo Spiffero documentano la scena, certamente surreale, a cui hanno assistito gli ospiti, dai saluti e i ringraziamenti al microfono di lei alla lunga, implacabile lettera “aperta” di lui che prima le parla di cosa sia l’amore, poi svela a tutti la relazione di lei “con un noto avvocato”, quindi le dona la libertà, quella di farsi l’agognata vacanza a Mykonos con l’altro, fino a non escludere persino di continuare con lei un rapporto di “collaborazione” lavorativa.

Torino, invita gli amici per annunciare le nozze ma svela il tradimento della compagna

Le luci sono soffuse, il discorso di Segre parte dalla consolle del dj. “Me lo sono scritto.. comincio con le scuse, con tutti voi, per questo pippone. ‘Cri’ dirà che sono troppo prolisso, ma questa volta è necessario”: l’incipit sembra proprio quello di un annuncio felice e certamente romantico. “Sono molto emozionato, di solito vado a braccio, ma non voglio rischiare di sbagliare – dice il manager descrivendosi davvero emozionato – io dovrei annunciare a tutti voi che a ottobre io e Cristina ci sposiamo, queste sono le partecipazioni che per l’ennesima volta vediamo di fare” sventola, proseguendo. “Però riflettendo questo non è più un regalo per lei ma per me, che dal 3 marzo 2020, data in cui ci siamo messi insieme, ho sperato di giungere a questo momento che abbiamo già rimandato tre volte”.

Quindi spiega il suo regalo: “Ho sempre pensato che amare una persona sia desiderare il suo bene più ancora del proprio. E in questo caso, questa sera, desidero regalare a Cristina la libertà di amare”. Non lui, però. “Amare un avvocato, a cui tiene più che a me”, scandisce Segre. “Cara Cristina, so di quanto tu ne sia innamorata, sia dal punto di vista mentale che sessuale – dice implacabile –. E so anche che prima di lui hai avuto una relazione con un noto industriale”.

Poi devia su di sé: “Cari amici, non crediate che mi faccia piacere fare la figura del cornuto davanti a tutti voi. Ma Cristina è talmente in gamba nel raccontare le sue verità, che non potevo lasciare solo a lei la narrazione del motivo per cui io stasera termino la mia convivenza con lei”. “È una banale storia di infedeltà, addirittura preconiugale. Sono tanto deluso, ho il cuore a pezzi”, confessa ancora pubblicamente. E chiude in modo clamoroso: “Cara Cristina, a Mykonos, vai con il tuo avvocato, sii felice con lui, come sai è tutto pagato. Così come è pagato il viaggio in Vietnam”. E ancora: “Ti confermo la mia stima lavorativa. Se vorrai, al tuo ritorno, potremo valutare come proseguire una collaborazione professionale”. Sempre che, invece, questa triste storia non si chiuda a colpi di carte bollate. L’avvocato, di certo, ora potrà consigliare a Seymandi il da farsi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *