Il ministro Piantedosi sulla sicurezza nelle piazze: “La paura non va strumentalizzata. Serve equilibrio e moderazione”

Pubblicità
Pubblicità

Prima il Covid ora la crisi energetica. E il governo che ha vissuto da opposizione il clima di protesta che ha agitato le piazze italiane negli ultimi due anni, adesso da maggioranza si prepara ad affrontare quella che il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi definisce la “strumentalizzazione della paura”.

“E’ già successo in passato che qualcuno ha cavalcato il periodo del Covid – ha detto questa mattina Piantedosi a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola superiore di polizia – l’ho sofferto io particolarmente come prefetto di Roma. Quindi dobbiamo stare attenti che non ci siano persone che strumentalizzano la paura”

Equilibrio e moderazione sono le indicazioni che Piantedosi ha dato alle forze di polizia per la gestione dell’ordine pubblico sapendo bene che saranno molteplici i motivi di protesta che porteranno migliaia di persone a manifestare. ” La crisi socioeconomico, l’invecchiamento della popolazione e la mancata cura del degrado urbano fanno aumentare la paura e questo è un tema di cui dobbiamo farci carico – è la sua analisi – Se cresce la paura e aumenta la richiesta di sicurezza bisogna evitare che ci sia un avvitamento della protesta, né abbiamo già qualche segnale. Occorre equilibrio e moderazione”.

Sicurezza delle città  e gestione dell’ordine pubblico saranno al centro anche del comitato nazionale ordine e sicurezza riuniro da Piantedosi al Viminale anche per discutere della situazione in Libia e dei flussi migratori e per mettere le basi di quello che sarà un pacchetto di norme per la sicurezza a cui gli uffici legislativi del Viminale stanno già lavorando per proporlo al Consiglio dei ministri

Sul tavolo di Piantedosi anche la nomina del suo successore a prefetto di Roma, carica a cui sembra essere destinato l’attuale capo di gabinetto del Viminale, Bruno Frattasi, che a sua volta sarebbe sostituito dalla prefetto Maria Teresa Sempreviva.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source