Il New York Times si compra “Wordle”: un milione di dollari per il passatempo di famiglia diventato “cruciverba” dal successo trionfale

Pubblicità
Pubblicità

“Il Times rimane concentrato sul diventare un abbonamento essenziale per tutti gli anglofoni che vogliono capire e impegnarsi con il mondo e il reparto giochi del New York Times è una parte fondamentale di questa strategia”. Con questa motivazione, il prestigioso quotidiano di New York ha annunciato con un comunicato di aver acquistato “Wordle”, un gioco di parole nato dall’idea di un padre di famiglia pochi mesi fa e diventato ormai un successo mondiale.

Secondo il giornale, che ha posto sempre più enfasi sui cruciverba e su altre forme di intrattenimento per raggiungere il suo obiettivo di 10 milioni di abbonati entro il 2025, il prezzo di “Wordle” ha raggiunto le sette cifre, anche se rimane nella “gamma inferiore” di tale importo. Si capisce, quindi, che ha pagato almeno un milione di dollari, ma il prezzo potrebbe essere sostanzialmente più alto. “Wordle”, ha precisato il Times, inizialmente rimarrà gratuito.

A incassare l’assegno del Nyt e il frutto del proprio ingegno è Josh Wardle, un ingegnere informatico che vive a Brooklyn e che, visto il successo avuto in famiglia dal gioco che aveva ideato, aveva pensato di metterlo online: secondo i calcoli del New York Times, il 1° novembre “Wordle” aveva il seguito di 90 utenti che il 2 gennaio erano diventati 300mila e ora sono milioni. Un successo enorme e imprevisto.

Ma in cosa consiste questo gioco, che funziona in diverse lingue? Il meccanismo è semplice: bisogna indovinare una parola di cinque lettere in un massimo di sei tentativi e a ogni tentativo il gioco fa diventare verdi le lettere che sono nel posto giusto, e gialle le lettere che fanno parte della parola ma sono nel posto sbagliato. Tanto è bastato per cambiare la vita del signor Wordle.

A novembre, il quotidiano di New York, considerato uno dei giornali più influenti del mondo, ha affermato nel suo rapporto sui guadagni di avere circa 8,4 milioni di abbonati.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source