Il nuovo capo dell’Interpol è l’emiratino Al-Raisi, un generale accusato di torture

Pubblicità
Pubblicità

Il generale degli Emirati Arabi Uniti Ahmed Naser Al-Raisi è il nuovo presidente dell’Interpol. Raisi, capo delle forze di sicurezza degli Emirati Arabi, denunciato per tortura in cinque Paesi, tra cui la Francia e la Turchia, è stato eletto durante l’assemblea generale a Istanbul.

Interpol, la rivolta di dissidenti e Ong contro gli “impresentabili” di Emirati arabi e Cina

L’assemblea riunisce i rappresentanti della polizia di 194 Paesi. Il neo presidente è spesso finito nel mirino di organizzazioni umanitarie e organizzazioni internazionali per l’accusa di torture e maltrattamenti a carico di prigionieri politici e dissidenti, tra cui Ahmed Mansoor, ma anche dell’accademico britannico Marc Hedges, accusato di spionaggio nel 2018 e condannato all’ergastolo. Hedges è poi stato graziato su pressione di Londra, mentre Mansoor è ancora in carcere.

Ecco perché vanno riformati gli “avvisi rossi” dell’Interpol: un meccanismo abusato dai despoti per perseguitare i dissidenti. L’appello di oltre 60 Ong

La candidatura di Al-Raisi aveva scatenato proteste in tutta Europa, soprattutto in Francia e Germania dove i parlamentari hanno scritto ai rispettivi governi chiedendo di boicottarlo. Il generale emiratino subentra al coreano Kim Yong Yang, che ha avuto il suo mandato esteso di un anno a causa del Covid, e ha battuto la candidata preferita dall’Ue, Sarka Havrankova, vicepresidente uscente, capo della polizia della Repubblica Ceca la cui carriera iniziò sulle tracce del pedofilo belga Marc Dutroux.

Parla Grace Meng, la moglie dell’ex capo dell’Interpol: “Il governo cinese è un mostro”

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source