Il parco per i bambini vietato agli adulti patrocinato dallUnicef lavori in corso a Milano

Il parco per i bambini vietato agli adulti patrocinato dall’Unicef: lavori in corso a Milano

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

171446469 d43087ef 57e4 44ae 84a0 2cda37269994

I bimbi del quartiere in primavera avranno il loro parchetto recintato di fianco alla stazione Centrale. Il cantiere, in piazza Luigi di Savoia, è partito in questi giorni e i lavori dureranno circa tre mesi. Doveva essere pronto entro quest’anno, ma l’emergenza Covid ha dilatato i tempi di avvio. Si tratta di un’area di 4.200 metri quadrati pensata per diventare, nella versione più ridotta, come i giardini della villa Reale di via Palestro, recintati e accessibili solo ai bimbi accompagnati da un adulto.

Milano, tre proposte per il giardino dei bambini vicino alla stazione Centrale

Realizzato con 300 mila euro di oneri aggiuntivi previsti nella convenzione siglata con Grandi Stazioni Retail per la realizzazione del Mercato Centrale, la cittadella del gusto che aprirà dal lato opposto, in piazza IV Novembre, l’intervento ha il patrocinio dell’Unicef. Un’idea, quella di realizzare un’area per i più piccoli proprio accanto alla stazione, che vuole dare una scossa a quel simbolo di Milano che nelle sue pieghe nasconde ancora sacche di insicurezza e degrado. Piazza Luigi di Savoia: dove oggi c’è soltanto un puzzle disordinato di piccole aiuole, pianticelle, spazi verdi inutilizzati, fermate di taxi, e pullman per gli aeroporti, giocheranno i bimbi, accompagnati da un genitore, da un nonno, da un familiare. Un progetto legato al nuovo regolamento del verde che consente, in alcune situazioni, di limitare l’accesso per fasce anagrafiche. È una zona di esperimenti, quella intorno alla ferrovia, che già negli anni scorsi ha visto qualche coraggioso azzardo per combattere il degrado: un esempio su tutti è il campo di pallacanestro allestito qualche anno fa in via Sammartini, all’altezza di via Schiapparelli.

Un giardino aperto solo ai bambini: il progetto antidegrado per la Stazione Centrale di Milano

“All’inizio non ci andava nessuno anzi era un punto di spaccio – spiega Donatella Ronchi presidente del Fas (gruppo Ferrante Aporti Sammartini), l’associazione nata per valorizzare i magazzini raccordati e le zone limitrofe – ma ora, a furia di perseverare tenendolo in ordine, è pieno di ragazzi, soprattutto in estate”. Un’idea, quella di dare quello spazio ai bimbi, che per i residenti è “sicuramente originale ma positiva perché riempire un vuoto, in qualunque modo, dà un senso di sicurezza maggiore a tutti”. Molti residenti avrebbero voluto che si pensasse anche ad uno spazio per i ragazzi più grandi, quelli che vanno in skate lì a fianco, ma per ora si parte con i piccoli. I giardinetti nascono all’interno di un disegno più ampio, “Cantiere centrale”, il maxiprogetto di riqualificazione della stazione e delle piazze che la circondano. Non lontano dall’area giochi, poi, la zona avrà anche il suo parcheggio, in via Ferrante Aporti: circa 400 posti auto e 75 per le moto per un totale di 26.400 metri quadrati di spazio e un investimento complessivo di 15 milioni di euro.



Go to Source