Il parroco fa issare una barca in chiesa: “Per chi vuole navigare verso Cristo”

Pubblicità
Pubblicità

Una barca sospesa in chiesa come “un punto fisso di navigazione per coloro che vogliono compiere un cammino verso Cristo”. È stata issata a cinque metri di altezza nella chiesa di San Maiolo, a Veveri, quartiere nella zona nord di Novara. L’imbarcazione, lunga tre metri mezzi e larga 1,3, da ieri accoglie i fedeli che entrano in chiesa, sullo sfondo una gigantografia con il lago di Tiberiade e le sue acque. A volerla posizionare lì è stato don Silvio Barbaglia, biblista che a giugno è diventato parroco dopo 40 anni in seminario: “C’era questa barca – racconta – in un corridoio del seminario di via Monte San Gabriele, serviva per le rappresentazioni ma doveva essere portata via e allora mi son detto: non si può buttare una barca così imitativa delle barche antiche che si trovano nel lago di Tiberiade”. È stata così spostata, restaurata dai volontari e ha iniziato la sua seconda vita.

Video di don Silvio Barbaglia

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source