Il racconto dei sopravvissuti: “In queste strade iniziò la strage”

Pubblicità
Pubblicità

Cinquant’anni dopo la strage del Bloody Sunday il 30 gennaio 1972, siamo tornati in Irlanda del Nord dove si sono tenute cerimonie di commemorazione della tragedia in cui i soldati britannici uccisero 14 cattolici inermi. In una città, Derry, ancora oggi segnata da divisioni e tensioni. Damien Donaghey, il primo a essere colpito e ferito in quella Domenica di Sangue cantata dagli U2 (qui la versione acustica postata il 30/1/2022, in occasione del 50° anniversario, sui social ufficiali degli U2) ci racconta come partì tutto: “Tirai una pietra e iniziarono a sparare da quel tetto: finii in ospedale ma non realizzai la portata di quel massacro fino al giorno dopo, quando mi ripresi”. Mentre Charles Glenn ci spiega quello storico murales di Bogside (l’enclave cattolica e repubblicana di Derry) in cui lui, allora 19 anni, è il ragazzo che mezzo secolo fa sorregge il 17enne Jackie Duddy, la prima vittima del Bloody Sunday: “Era proprio lì, steso a terra, gli avevano sparato alle spalle. Abbiamo provato a salvarlo sfidando i colpi dei militari britannici, ma non c’è stato niente da fare. Fu terribile. Ma ora ho speranza. Ecco perché”

servizio di Antonello Guerrera

a cura di Valentina Tosoni

montaggio di Paolo Saracino

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source