Il ritorno di Klay Thompson, dopo due anni e mezzo è subito show

Pubblicità
Pubblicità

Ha impiegato 39 secondi per entrare in area, invitare il compagno a scaricargli il pallone, e infilare il primo canestro di Golden State con una parabola morbida. Splash. Il ghiaccio si è rotto subito. Il primo canestro dopo due anni e mezzo, 941 giorni dall’ultima volta. Klay Thompson è tornato e con lui la Nba è più completa e, verrebbe da dire, più gentile: il grande circo ritrova uno dei più affidabili giocatori degli ultimi dieci anni, uno che ha portato bellezza al gioco, senza essere sfrontato, senza le manie da mega star, senza vestiti dai colori lisergici, senza presentarsi al campo con pigiami da diecimila dollari, ma capace di tirare da tre con il 40…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source