100025090 ec40a494 6915 4285 9107 2eb134f613ad

Ilva di Taranto, sentenza Ambiente svenduto: condannati i Riva. Tre anni e mezzo a Vendola

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

100025090 ec40a494 6915 4285 9107 2eb134f613ad

La Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 22 e 20 anni di reclusione Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva, tra i 47 imputati (44 persone e tre società) nel processo chiamato Ambiente Svenduto sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico. Rispondono di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. La pubblica accusa aveva chiesto 28 anni per Fabio Riva e 25 anni per Nicola Riva. Tre anni e mezzo di reclusione sono stati inflitti dalla Corte d’Assise di Taranto all’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola nell’ambito del processo ‘Ambiente Svenduto’ per il presunto disastro ambientale negli anni di gestione della famiglia Riva. I pm avevano chiesto la condanna a 5 anni. Vendola è accusato di concussione aggravata in concorso, in quanto, secondo la tesi degli inquirenti, avrebbe esercitato pressioni sull’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva.

Il presidio di mamme e operai

In presidio, tra gli altri, ci sono anche rappresentanti del movimento Tamburi Combattenti e delle associazioni che aderiscono al Comitato per la Salute e per l’Ambiente (Peacelink, Comitato Quartiere Tamburi, Donne e Futuro per Taranto Libera, Genitori Tarantini, LiberiAmo Taranto e Lovely Taranto).
Sono circa mille le parti civili. Tra queste c’è il consigliere comunale Vincenzo Fornaro, ex allevatore che subì l’abbattimento di circa 600 ovini contaminati dalla diossina. “E’ il giorno – osserva – in cui si stabilirà dopo 13 anni chi ha ragione tra un manipolo di pazzi sognatori che continuano a immaginare un futuro diverso per questa città e chi resta industrialista convinto. Grazie a tutti quelli che in questi anni si sono battuti per arrivare a questo punto. Abbiamo fatto il massimo e continueremo a farlo”.

Taranto, in viaggio nel quartiere invaso dalle polveri dell’ex Ilva

Le richieste della Procura

La pubblica accusa aveva invocato 35 condanne per quasi quattro secoli di carcere. Per i fratelli Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva, sono stati chiesti 28 e 25 anni; per l’ex governatore della Puglia, Nichi Vendola, cinque anni. La condanna a 28 anni di reclusione era stata chiesta anche per l’ex responsabile delle relazioni istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, e l’ex direttore dello stabilimento di Taranto Luigi Capogrosso. Chiesti 20 anni di reclusione per il dirigente del Siderurgico Adolfo Buffo e cinque imputati che avevano il ruolo di “fiduciari aziendali”; 17 anni per l’ex presidente di Ilva Bruno Ferrante, per l’ex consulente della procura Lorenzo Liberti (accusato di aver intascato una “mazzetta” da 10mila euro per ammorbidire una perizia sull’inquinamento), e per cinque ex responsabili degli impianti che furono sequestrati dal gip Patrizia Todisco

“Ventotto anni di carcere per Riva, 5 anni per Vendola”, le richieste del pm per il disastro ambientale dell’Ilva

Le responsabilità politiche

Per quanto riguarda le presunte responsabilità della politica l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, accusato di concussione aggravata in concorso in quanto, secondo gli inquirenti, avrebbe esercitato pressioni sull’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato (a sua volta condannato a un anno per favoreggiamento) per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive dell’Ilva.

Taranto, i fumi dell’ex Ilva “smascherati” dal maltempo

Rischiano la condanna a 4 anni l’ex presidente della Provincia Gianni Florido e l’ex assessore provinciale all’Ambiente Michele Conserva (ipotesi di concussione per l’autorizzazione all’esercizio della discarica per rifiuti speciali “Mater Gratiae”), mentre era stata chiesta la prescrizione per l’ex sindaco di Taranto Ippazio Stefàno a cui era contestato l’abuso d’ufficio perché, secondo l’accusa, pur essendo a conoscenza delle criticità ambientali e sanitarie causate dall’Ilva, non avrebbe adottato provvedimenti per tutelare la popolazione. Tra gli altri imputati di favoreggiamento è stata chiesta la condanna a 8 mesi per l’ex assessore regionale e attuale segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni; per l’assessore regionale Donato Pentassuglia e l’allora capo di gabinetto di Vendola, Francesco Manna. Infine, il pm Buccoliero ha proposto la trasmissione degli atti alla procura per l’ipotesi di falsa testimonianza per cinque persone che hanno deposto durante il processo. Tra queste c’è l’ex arcivescovo di Taranto, Benigno Luigi Papa.



Go to Source