Imprese la capitalizzazione di Borsa cala del 164. Gli italiani si rifugiano nei titoli di Stato

Imprese, la capitalizzazione di Borsa cala del 16,4%. Gli italiani si rifugiano nei titoli di Stato

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Nel primo semestre del 2020 le società quotate in Borsa hanno registrato una riduzione della capitalizzazione del 16,4%. Il rapporto fra capitalizzazione e Pil si è attestato al 33,5% (rispetto al 33,1% a fine 2019). L’ultimo Bollettino statistico della Consob –  che riporta i dati sulle società quotate e l’intermediazione finanziaria nel primo semestre 2020 – mette in evidenza i primi segnali della crisi economica conseguente alla pandemia. In crescita il volume degli scambi di azioni (+23,5%) e di derivati azionari (+8,8%), rispetto al primo semestre 2019.
Dal Bollettino della Consob emerge anche un calo complessivo dell’utile netto delle società quotate in Borsa: le assicurazioni registrano utili per 1,7 miliardi di euro, le società non finanziarie quotate all’Mta registrano perdite nette per circa 5,6 miliardi di euro e un corrispondente aumento del ricorso all’indebitamento per circa 6,1 miliardi, le banche riportano una redditività complessiva negativa di 9 milioni di euro. Le società industriali quotate all’Aim registrano perdite per 9,6 milioni di euro.
Si riduce il controvalore degli strumenti finanziari detenuti presso intermediari italiani per servizi di investimento e di gestione del risparmio (-2,3%). Nel portafoglio azionario della clientela professionale cresce il peso dei titoli esteri a scapito di quelli italiani. La clientela retail si rifugia nei titoli di Stato.

Argomenti



Go to Source