113224289 bd155c75 6064 41cb b0a0 62ca3afa6941

“In lockdown leggete invece di scrivere!”. L’appello dell’editore francese Gallimard sommerso dai manoscritti

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

113224289 bd155c75 6064 41cb b0a0 62ca3afa6941

PARIGI – Leggete, invece di scrivere. Da qualche giorno appare un messaggio sul sito di Gallimard: “Date le circostanze eccezionali, vi chiediamo di rimandare l’invio dei manoscritti. Per favore, prendetevi cura di voi e godetevi la vostra lettura”. Dietro l’eleganza della comunicazione c’è un fenomeno che altri editori hanno constatato: dall’inizio della pandemia, i francesi sono diventati grafomani. Chiusi per ore in casa senza sapere cosa fare, molti hanno pensato di lanciarsi nella scrittura di libri. E così le case editrici sono state inondate di manoscritti di sconosciuti, aspiranti romanzieri. Fino a un anno, arrivavano circa trenta manoscritti ogni giorno nella sede di rue Gaston-Gallimard. Da mesi il ritmo quotidiano è salito a una cinquantina. Nel frattempo però le librerie sono state chiuse per mesi e gli editori hanno dovuto stravolgere il loro programma di uscite, si trovano con una coda di titoli da pubblicare. Se farsi pubblicare è sempre difficile per un principiante, è diventato ancora più complicato.

Gabrielle Lécrivain, editrice da Gallimard ha spiegato il senso del messaggio, rilanciato sui social, talvolta con toni polemici. “Vogliamo dare la stessa attenzione a tutti i manoscritti che riceviamo e rispondiamo a tutti gli invii”, dice Lécrivain. “È un compito considerevole che richiede meticolosità e disponibilità mentale. Per queste ragioni abbiamo chiesto di sospendere, temporaneamente, l’invio di manoscritti”. Gallimard continua a pubblicare primi romanzi nella sua famosa Collezione Bianca: cinque a gennaio, due a marzo, due ad aprile. 

Già nella primavera scorsa, durante il primo lockdown, Le Seuil e altri editori avevano chiesto agli aspiranti scrittori di pazientare. “Ci aspettavano uno tsunami dopo il lockdown, ma invece non è successo”, racconta Laure Belloeuvre. “Solo da qualche tempo abbiamo osservato un vero aumento”. Solo tra gennaio e marzo, 1.200 manoscritti sono arrivati a Le Seuil, mentre ne riceve circa 3.500 all’anno, concentrati all’inizio e alla fine dell’anno. “Ora che tutti sanno come usare un computer per scrivere, non è più come ai vecchi tempi quando dovevi prendere la tua Remington per battere a macchina il tuo manoscritto”, dice l’editore. La casa editrice Olivier ha notato la stessa mania. “Più di 700 manoscritti nei primi tre mesi, il che significa che supereremo i 2.000 quest’anno, mentre eravamo a 1.500 o 1.600 all’anno prima del premio Goncourt (il più prestigioso premio letterario francese, ndr) di Jean-Paul Dubois” nel 2019, nota Jeanne Grange, del dipartimento manoscritti. “Ma non dissuaderei mai nessuno”, continua. “La vitalità di un editore si vede nel rinnovamento del suo catalogo”.  



Go to Source