In ricordo di Chiara: Monteveglio si stringe al dolore della famiglia. “Eravamo il Paese delle favole”

Pubblicità
Pubblicità

“Era una ragazza molto dolce e vivace, vivevamo come in una bolla qui a Monteveglio, era il paese delle favole”. Le amiche delle ragazza uccisa a 16 anni da un coetaneo, i cittadini del paese di 5mila anime nell’Appennino bolognese, il padre e la madre di Chiara Gualzetti. Tutta la comunità, profondamente scossa, si è stretta alla famiglia di Chiara, partecipando in migliaia alla fiaccolata per le vie del piccolo centro. La madre Giusi chiede a gran voce: “Voglio solamente giustizia per mia figlia”. Il padre racconta la tragedia che lo ha colpito. “E’ l’epilogo, ora è tutto finito, 17 anni di sacrifici per la mia Chiara, lei era tutto. E pensare che ho lasciato Napoli per crescere mia figlia in un posto tranquillo, è per questo che sono venuto qui”. Il sedicenne indagato era un amico di famiglia, che per un periodo ha lavorato con lui: “Ma quali voci, quali demoni e quali spiriti? Ha lavorato con me ed era un ragazzo normalissimo”

Servizio di Valerio Lo Muzio

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source