Inchiesta sulla lobby nera di FdI, indagati Carlo Fidanza e Roberto Jonghi Lavarini

Pubblicità
Pubblicità

Carlo Fidanza, eurodeputato di Fratelli d’Italia, e Roberto Jonghi Lavarini, noto come il ‘Barone nero’ sono indagati per le ipotesi di finanziamento illecito e riciclaggio nell’indagine milanese nata dall’inchiesta giornalistica realizzata da Fanpage su presunti fondi neri per finanziare la campagna elettorale di FdI a Milano. Il nucleo di polizia economico-finanziaria della GdF, su delega della procura di Milano, ha perquisito l’abitazione ma anche altri luoghi nella disponibilità di Jonghi Lavarini, sequestrando materiale informatico.

La lobby nera che sostiene la campagna elettorale Fdi a Milano. Dureghello: “Non c’è spazio per chi inneggia a Hitler”

Non perquisita, visto il suo ruolo istituzionale, l’abitazione di Fidanza che si è autosospeso dal suo partito dopo la messa in onda della prima puntata dell’inchiesta, sulla base della quale i pm Piero Basilone e Giovanni Polizzi, coordinati dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, hanno aperto un fascicolo d’indagine con le ipotesi di reato di finanziamento illecito e riciclaggio. Al momento non risultano altri indagati.

Chiara Valcepina, l’avvocata dell’inchiesta sulla lobby nera che sostiene FdI, entra in Consiglio comunale a Milano

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source