Incidenti sul lavoro, 22enne resta incastrata col braccio in un macchinario: è grave

Pubblicità
Pubblicità

Si aggrava il bilancio delle vittime sul lavoro in Italia. Un operaio di 51 anni è morto nel pomeriggio a Bodio Lomnago (Varese) nel cantiere di una casa in costruzione, secondo il 118 schiacciato da un mezzo pesante che si è ribaltato. L’uomo è morto all’istante mentre un suo collega di 55 anni è rimasto ferito nel tentativo di soccorrerlo. Sul posto sono stati inviati un’automedica, un’ambulanza, vigili del fuoco, carabinieri e personale dell’ATS.

Il dossier MORIRE DI LAVORO

Un’operaia invece in Trentino è rimasta per mezz’ora col braccio incastrato in un macchinario per la lavorazione del pellame. E’ successo in una conceria di Vallarsa. L’operaia, 22 anni, è stata immediatamente soccorsa dai colleghi che hanno allertato vigili del fuoco, Trentino emergenza e carabinieri che ora stanno verificando le misure di sicurezza adottate dall’azienda. La giovane è stata trasferita in ospedale per gravi fratture.

Un altro incidente sul lavoro si è verificato al cimitero di Milanere ad Almese (Torino), dove ieri, mentre durante un funerale era intento a chiudere un loculo, un 47enne, dipendente una ditta di onoranze funebri, è precipitato dall’altezza di oltre quattro metri. Una caduta, secondo una prima ricostruzione, avvenuta per un guasto a un montacarichi. L’uomo è stato trasportato in elisoccorso all’ospedale Cto di Torino, dov’è ricoverato, ma non è in pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e gli ispettori dello Spresal dell’Asl To3.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source