Indagato per tentata concussione il sindaco Pd di Moncalieri Montagna: nel mirino le elezioni del Consiglio metropolitano

Pubblicità
Pubblicità

Il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, ha ricevuto oggi un avviso di garanzia da parte della Procura di Torino. Lo rende noto lo stesso primo cittadino che, nel dirsi “amareggiato”, assicura l’intenzione di chiarire “ogni aspetto della vicenda di fronte alla magistratura”.

“L’inchiesta nasce da un esposto anonimo e riguarda ciò che sarebbe avvenuto in una riunione di maggioranza lo scorso 18 novembre, riunione a cui partecipano i consiglieri comunali della maggioranza e i membri della Giunta – riferisce Montagna – In quell’occasione abbiamo parlato di progetti per Moncalieri, della variazione di bilancio e delle elezioni della Città metropolitana. Tutto alla luce del sole, nella massima condivisione. Secondo chi mi accusa avrei prospettato ripercussioni per chi non avesse votato il candidato del nostro territorio. Il reato contestatomi è di tentata concussione”.

“In quella riunione, abbiamo parlato della candidatura di Silvano Costantino al Consiglio Metropolitano – ricorda il sindaco di Moncalieri -. Una candidatura condivisa dal territorio su cui ho chiesto un voto di fiducia e di appartenenza al nostro progetto. Le minacce non fanno parte del mio modo di agire e di pensare. Non rinuncerò mai, invece, a sostenere con determinazione le mie e le nostre idee. Mettendoci la faccia, come sempre”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source