Inghilterra, Leicester e Chelsea respingono l’assalto dello United. Frena il Wolverhampton

La Republica News

LONDRA – In Premier League la corsa alla Champions rimane apertissima. Leicester, Chelsea e Manchester United non perdono colpi, il Wolverhampton commette un passo falso probabilmente fatale. A chiudere il quadro delle partite in programma sabato è l’affermazione dei Blues per 3-0 ai danni del Watford. Gli uomini di Lampard ipotecano la vittoria già nel primo tempo, grazie alle reti di Giroud al 28′ e Willian su rigore al 43′. A chiudere i conti ci pensa al 92′ Barkley, consentendo così al Chelsea di difendere il quarto posto insidiato dal Manchester United. Manchester Utd a valangaI Red Devils, infatti, si confermano in gran forma e infliggono un rotondo 5-2 al Bournemouth. A Old Trafford lo United va sotto per effetto del gol di Junior Stanislas, ma rimonta già nel primo tempo: al 30′ pareggia i conti Greenwood, quindi il rigore di Rashford e la rete di Martial nel recupero fissano il punteggio sul 3-1 all’intervallo. Nella ripresa gli ospiti accorciano le distanze con il rigore trasformato da King, ma ancora Greenwood e poi Bruno Fernandes portano il punteggio sul 5-2 finale. Il Leicester si rialzaDopo due pareggi e due sconfitte dalla ripresa dopo il lockdown torna al successo il Leicester, che respinge così l’assalto del Manchester United. A sancire la vittoria per 3-0 contro il tranquillo Crystal Palace sono il gol di Iheanacho a inizio ripresa e una doppietta di Vardy nel finale: restano dunque tre i punti di vantaggio delle Foxes nei confronti dei Red Devils. Brusca frenata dei WolvesFrena, invece, il Wolverhampton che cade in casa contro l’Arsenal per 2-0 e adesso accusa cinque lunghezze di distacco dal quarto posto. I Gunners, reduci da due vittorie consecutive in campionato, colpiscono in chiusura di primo tempo con Saka: il classe 2001 inglese segna la sua prima rete in Premier al 43′ con una bella girata di sinistro all’altezza del dischetto del rigore. Gli uomini di Espirito Santo sfiorano il pareggio nella ripresa con un pallonetto di Traoré che va di poco alto, l’Arsenal resiste e all’87’ chiude i conti con il raddoppio firmato da Lacazette, andando a pochi centimetri dal 3-0 negato solamente da un salvataggio sulla linea di Neves.


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi