Inter, il virus e la sfortuna. Conte aspetta i rientri per tornare a volare

La Republica News

Il giorno dopo la sconfitta nel derby contro il Milan, la prima dal 2016, i tifosi nerazzurri si fanno domande, com’è normale che sia: “Valeva la pena mandare via Godin per poi trovarsi in campo Kolarov? Eriksen può essere anche all’Inter il campione visto in nazionale? E cos’è successo a Brozovic?”. Se la prendono con l’arbitro Mariani, che a San Siro ha sbagliato tanto: “Kessie andava espulso per il fallo su Hakimi!”, ed è vero. I più sportivi, e non è facile esserlo dopo una sconfitta nel derby, arrivano a fare i complimenti a Ibra, a Pioli e al Milan in generale, sui social network e nei bar. Ma subito si sentono in dovere di aggiungere: “Certo, se avessimo avuto più tempo per allenarci e non avessimo avuto la squadra svuotata dal Covid …”. Impossibile avere la riprova. Certo è che, senza avere a disposizione la super panchina delle prime tre giornate, per Antonio Conte raddrizzare le partite in corsa è più complicato.Serie A


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi