Intesa Sp: accordo con Cisco su sostenibilità e innovazione imprese (2)

Libero Quotidiano News

Condividi:

23 settembre 2020

(Adnkronos) – Nell’ambito della cybersecurity, l’obiettivo dell’accordo è condividere competenze, per creare in sinergia servizi innovativi a favore dei due Gruppi e del mercato, e per promuovere la diffusione delle conoscenze sul tema della sicurezza informatica, attraverso workshop e altri eventi dedicati da organizzare con il supporto dell’Area di Governo Chief IT, Digital and Innovation Officer di Intesa Sanpaolo e dell’Artificial Intelligence Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center, realizzato a Torino con Isi Foundation. Inoltre l’accordo prevede l’applicazione delle neuroscienze all’ambito delle risorse umane. Cisco ha sviluppato un sistema di mappatura del personale ‘fluido’ che permette di valorizzare le competenze e ottimizzare ambiti di attività e progetti seguiti. Le due società si propongono di mettere a fattor comune conoscenze ed esperienze per lo studio di nuovi servizi per le aziende, con particolare attenzione allo smart working.
“Con questo accordo si mettono in campo le migliori risorse tecnologiche, finanziarie e formative per sostenere la crescita del Paese e delle sue imprese, coniugandola con la promozione di modelli di economia circolare che consentono di perseguire sviluppo e sostenibilità”, commenta Agostino Santoni, amministratore delegato di Cisco Italia. “Mettiamo a fattor comune i nostri punti di forza e gli ecosistemi di innovazione con cui collaboriamo e ampliamo una partnership che ci unisce già da tempo; insieme potremo dare un contributo fattivo alla competitività a livello globale delle aziende italiane, raggiungendole sul territorio grazie alla forza e alla presenza capillare di Intesa Sanpaolo”.
Per Guido de Vecchi, direttore generale Intesa Sanpaolo Innovation Center, “la collaborazione strategica con Cisco rafforza le attività del gruppo Intesa Sanpaolo per l’innovazione e ci fornisce ulteriori strumenti per supportare le imprese italiane su più fronti di estrema importanza per la loro competitività, come la transizione verso un nuovo modello economico circolare, il dialogo con le startup, la protezione dei dati digitali e dagli attacchi online e l’applicazione delle neuroscienze per gestire e valorizzare al meglio il lavoro e la risorsa più preziosa, il capitale umano”.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi