Io, infermiere di terapia intensiva dico ai No Vax: “Venite a vedere, qui è di nuovo l’inferno”

Pubblicità
Pubblicità

Caro direttore, sono un, “relativamente” giovane, Coordinatore infermieristico. Da qualche giorno sono tornato a gestire la terapia semintensiva Covid della Pneumologia di Trieste. Una situazione drammatica, per certi versi peggiore delle scorse ondate (oramai abbiamo perso il conto).

Senza respiro

Ieri ho dedicato parte della mia giornata a un paziente, uno dei tanti, non vaccinato (non per scelta ma per motivi di salute); era dispnoico (non riusciva a respirare, ndr), non riusciva a staccarsi dal supporto del ventilatore nemmeno per bere un sorso d’acqua per inumidire la bocca, seccatasi a causa dell’ossigeno ad alti flussi. Questa persona, che ieri chiedeva aiuto, il mio/nostro aiuto, che cercava di comunicare come meglio poteva per dirci di cosa aveva bisogno, oggi non c’è più.

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 14 novembre: 7569 nuovi positivi, 36 morti. Sileri: “Sarà un Natale libero”

Due anni di calvario

Storie ed esperienze analoghe sono entrate a far parte del nostro vissuto quotidiano da ormai quasi due anni. Storie di padri, madri, nonni, figli ai quali dobbiamo stringere la mano nei loro ultimi giorni di vita; persone che, nel momento peggiore che ogni essere umano possa attraversare, sono separate dai loro affetti e si aggrappano solo ai nostri sguardi, dietro una tuta, coperti da maschere e visiere. E questa gente arriva a questo punto a causa di una patologia che oggi, nella gran parte dei casi, si può evitare o per lo meno controllare.

Carlo Freccero domenica 14 in piazza a Trieste alla manifestazione No Green Pass (ansa)

Un monito per i negazionisti

Vorrei che la gente vedesse, vorrei che tutti i No Vax, No Green pass passassero una giornata, o anche solo mezza, nel “13dicesimo girone dell’inferno”; vorrei che si rendessero conto di quanto inumano sia morire di polmonite da Covid, nonostante i nostri sforzi per rendere l’ultimo miglio di queste persone, più lieve possibile. Come detto, un modo per cercare di evitare tutto ciò esiste, e ostinarsi a non utilizzarlo è da scellerati.

Siamo esausti ma curiamo tutti

Noi sanitari tutti, spinti da un etica sconosciuta – o per lo meno ignorata – dal popolo della piazza, continueremo a curare e assistere tutti, qualsivoglia sia la loro ideologia (Pro Vax, No Vax, …), nonostante la rabbia sempre crescente nei confronti di quanti insultano quotidianamente il diritto alla salute collettiva. Ma siamo veramente esausti. E al contrario di coloro che si vantano di non mollare mai, noi non possiamo mollare mai. Abbiamo famiglie di cui prenderci cura, mogli, mariti, figli dai quali tornare e che meritano le nostre attenzioni; attenzioni che sempre di più non possono esserci per via della stanchezza che ci sopraffà.

La libertà non può far rima con morte

Sono un arduo sostenitore delle libertà individuali; ma questa libertà deve esserci dal momento in cui veniamo al mondo al momento in cui moriamo; e chi muore attaccato al ventilatore, credete, è tutto fuorché libero e in pace.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source