Israele ex capo della sicurezza spaziale Gli extraterrestri esistono. E Trump lo sa

Israele, ex capo della sicurezza spaziale: “Gli extraterrestri esistono. E Trump lo sa”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Dopo il tormentone dei monoliti apparsi e scomparsi in varie parti del mondo attribuiti all’opera di extraterrestri (ma in realtà opera di un gruppo di artisti buontemponi) la questione degli alieni si arricchisce di una nuova pietra miliare: in un’intervista al quotidiano Yediot Aharonot, il generale in pensione Haim Eshed, capo del programma di sicurezza spaziale dello Stato ebraico dal 1981 al 2010, ha rivelato che il suo Paese sarebbe in contatto con gli alieni. L’autorevole professore di 87 anni dice di parlare oggi perché la sua reputazione è fatta e non ha “niente da perdere” prima di aggiungere che “gli oggetti volanti non identificati hanno chiesto di non pubblicare che sono qui, l’umanità non è ancora pronta”.
Eshed ha sostenuto che gli extraterrestri erano curiosi dell’umanità e stavano cercando di capire “il tessuto dell’universo”. L’ex funzionario ha anche affermato che gli alieni esistono, e Trump lo sa. Eshed ha detto che sono stati firmati accordi di cooperazione tra le specie, inclusa una “base sotterranea nelle profondità di Marte” dove sono presenti astronauti americani e rappresentanti alieni. “C’è un accordo tra il governo degli Stati Uniti e gli alieni. Hanno firmato un contratto con noi per fare esperimenti qui”, ha affermato. Eshed ha aggiunto che il presidente Donald Trump era a conoscenza dell’esistenza degli extraterrestri ed era stato “sul punto di rivelare” informazioni, ma gli è stato chiesto di non farlo per prevenire “l’isteria di massa”. “Non è un caso – ha assicurato –  che Donald Trump abbia lanciato una forza armata durante il suo mandato dallo spazio” Gli extraterrestri comunque hanno aspettato fino ad oggi che l’umanità si sviluppasse e raggiungesse uno stadio in cui capiremo, in generale, cosa sono lo spazio e le astronavi”, ha detto Eshed, riferendosi alla federazione galattica.
La Casa Bianca e i funzionari israeliani per ora non hanno commentato. La Nasa ha scritto in un comunicato che uno degli obiettivi chiave dell’agenzia è la ricerca della vita nell’universo “anche se dobbiamo ancora trovare segni di vita extraterrestre”. “La Nasa sta esplorando il sistema solare e oltre per aiutarci a rispondere a domande fondamentali, incluso se siamo soli nell’universo”, si legge nel comunicato. Nell’immensità della nostra galassia qualsiasi contatto emesso da lontano impiegherebbe molto tempo per raggiungerci: il diametro della Via Lattea, ad esempio, è di poco più di 100.000 anni luce, ovvero 946.073.000.000.000.000 di km. Il pianeta più vicino alla Terra (al di fuori del sistema solare) dista più di 4 anni luce. Sarebbero necessari quattro anni per permettere a una nave che naviga a una velocità di 300.000 chilometri al secondo di raggiungerci.
Eshed, che ha supervisionato il lancio di numerosi satelliti israeliani nello spazio, ha detto che stava parlando solo ora perché gli atteggiamenti stavano cambiando e le persone sembravano più ricettive. “Se avessi rivelato quello che sto dicendo oggi cinque anni fa, sarei stato ricoverato in ospedale”, ha detto a Yediot.
I commenti di Eshed hanno immediatamente generato barzellette e teorie online.

Argomenti



Go to Source