Israele invia sei generatori prodotti in Italia per alimentare gli ospedali di Leopoli

Pubblicità
Pubblicità

Israele ha inviato sei generatori da mille kilowatt di potenza ciascuno all’Ucraina. I generatori, partiti qualche giorno fa da Ciampino, serviranno ad aiutare la popolazione civile di Leopoli fornendo elettricità non stop agli ospedali e ad altre strutture di soccorso. 

I generatori (che valgono 500 mila euro) sono partiti in direzione di Leopoli dagli stabilimenti della società italiana di produzione a Ciampino a bordo di camion. Si tratta di un sostegno concreto che testimonia la vicinananza di Israele al popolo ucraino, fortemente voluto dal ministero degli Affari Esteri israeliano attraverso il Mashav (agenzia per la cooperazione internazionale allo sviluppo), con l’assistenza dell’Ambasciata di Israele a Roma.

“Questa solidarietà deriva da un imperativo categorico biblico, che è la base di tutta la nostra civiltà occidentale – spiega l’ambasciatore d’Israele in Italia, Dror Eydar . E’ scritto nel Levitico: ‘Non starai sul sangue del tuo prossimo’. Significa che non possiamo rimanere spettatori inermi quando il nostro prossimo è in pericolo di vita, ma dobbiamo intervenire per salvarlo”. 

La crisi umanitaria ucraina richiede azioni pragmatiche e questa iniziativa rientra  nella serie di attività che lo Stato d’Israele sta compiendo a favore dei civili ucraini. Tra queste c’è la costruzione di un ospedale da campo completamente funzionale appena fuori Leopoli, che includerà un reparto maternità e pediatrico, un pronto soccorso e un’area di telemedicina che permetterà ai medici di Israele di aiutare a distanza. A ciò va aggiunto l’invio di  personale medico e operativo dello Sheba Medical Center e del Clalit Health Services, mentre un team del Centro Medico per bambini Schneider  ha assistito bambini malati di cancro portandoli in Israele, dove potranno essere curati.  

Su richiesta delle autorità ucraine, Israele ha già inviato 100 tonnellate di aiuti umanitari ai cittadini dell’Ucraina: medicine e attrezzature mediche, migliaia di tende invernali formato famiglia, coperte, sacchi a pelo, abbigliamento invernale, misure di purificazione dell’acqua, si vanno ad aggiungere ai generatori e alle altre misure medico-sanitarie già operative. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source