Italiaonline, servizi ripristinati. Le mail di Virgilio e Libero tutte di nuovo accessibili

Pubblicità
Pubblicità

Tutte le caselle di posta Libero Mail e Virgilio Mail, ad oggi, sono tornate accessibili via webmail (ovvero sui portali libero.it e virgilio.it). Lo rende noto in un comunicato della Internet company Italiaonline. “Stiamo gestendo il progressivo reintegro dei messaggi inviati ai nostri utenti nei giorni scorsi, che saranno recapitati progressivamente a seconda del comportamento dei provider di posta che hanno gestito il traffico delle e-mail negli ultimi giorni”, sottolinea la società.

L’insospettabile importanza delle email

Per quanto riguarda l’accesso tramite Libero Mail App e Virgilio Mail App, questo, sottolinea il comunicato, “è adesso pienamente disponibile per gli utenti Android, mentre non è ancora completo per gli utenti iOS, i quali possono comunque alternativamente accedere al servizio di posta elettronica tramite webmail, ovvero sui siti libero.it o virgilio.it.
Con l’apertura di tutte le webmail ai nostri utenti, si è fatto un passo avanti importante nel restituire accesso ai messaggi e ai dati. Sta proseguendo parallelamente il ritorno al completo funzionamento di tutte le funzionalità, anche considerato il carico di traffico accumulato. La nostra priorità è dal primo giorno quella di tutelare l’integrità dei dati dei nostri utenti. Continueremo a comunicare attraverso i nostri touchpoint, fino alla completa risoluzione della situazione. Nel frattempo, è a disposizione un numero verde dedicato alle domande dei nostri utenti: 800 591 829″, sottolinea Italiaonline.

I problemi, che secondo le stime, hanno interessato nove milioni di caselle mail (sia da desktop che da smartphone) sono cominciati nella notte tra domenica 22 gennaio e lunedì 23 gennaio. Il disservizio, secondo quanto comunicato dalla società, è stato creato da un problema al sistema operativo causato da un’azienda esterna. Diverse associazioni di consumatori, nei giorni scorsi, hanno cominciato a raccogliere adesioni a possibili richieste di risarcimento.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source