John Elkann: “La Juventus è la soluzione a parte dei problemi del calcio italiano. La Superlega esiste già, è la Premier. Giuntoli il nostro grande acquisto”

Pubblicità
Pubblicità

“C’è chi pensa che la Juventus sia il problema del calcio italiano. Al contrario: è parte della soluzione. Ne è da sempre l’ossatura. Ha dato la struttura alle nazionali che hanno vinto i titoli mondiali. E sul piano economico con le operazioni di mercato ha speso mezzo miliardo di euro negli ultimi anni per acquistare giocatori in Italia, contribuendo in modo significativo a sostenere i bilanci delle squadre di Serie A e serie minori”. John Elkann, numero del club bianconero, di Exor e di Gedi (il gruppo editoriale che edita anche Repubblica), parla del centenario che la famiglia Agnelli e la Juventus festeggiano il 24 luglio 2023. “Come diceva mio nonno – ricorda Elkann in un’intervista a La Stampa – Juventus vuol dire gioventù. Gioventù vuol dire essere proiettati verso il futuro. Il suo passato è ricco di gloria, ma con il nome che porta è al futuro che si deve guardare. Lavoriamo con umiltà per noi e milioni di famiglie bianconere come noi”.

John Elkann: “Per la Juve momento duro, ci rialzeremo”

Elkann parla anche del presente bianconero. “Ne abbiamo passati di momenti critici, li abbiamo sempre affrontati, e ne siamo usciti a testa alta. Ne usciremo anche adesso e il tempo darà ragione delle nostre scelte. Non è la prima volta che ci capita. Nel 1980 un’inchiesta di scommesse arrivò a coinvolgere Paolo Rossi (che poi sarebbe risultato estraneo). La Juventus di Boniperti lo comperò nonostante la squalifica. Trapattoni continuò ad allenarlo e con successo: la conquista del ventesimo scudetto porta anche la sua firma. La sua vittoria fu anche la nostra, e ripagò di tutte le polemiche”.

John Elkann: “Giuntoli incarna la filosofia Juve”

La squadra in questi giorni è in tournée negli Stati Uniti per preparare la nuova stagione, il mercato sta entrando nel vivo: “Il colpo più importante lo abbiamo già fatto. È l’arrivo a Torino di Cristiano Giuntoli, il nuovo direttore sportivo, che rappresenta adattamento e innovazione, in perfetta continuità con la nostra storia. Giuntoli porterà alla Juventus un modo di lavorare che valorizza i giovani talenti e costruisce i campioni”.

John Elkann: “La Superlega esiste già, è la Premier League”

La Juventus ha abbandonato la Superlega, ma per John Elkann una esiste già, è la Premier League. “Gli altri campionati nazionali mostrano una deriva ormai evidente: i giocatori più bravi vanno a giocare in Inghilterra, finendo per impoverire le competizioni locali. Come rispondiamo a questa sfida? Questa è la questione. Non è una questione che riguarda la Juve. È un problema che riguarda tutto il calcio europeo”. E italiano, a partire dagli stadi di proprietà come l’Allianz Stadium, casa della Juventus: “Oggi ogni partita casalinga della Juve rappresenta un’occasione per migliaia di persone, che vengono spesso anche da lontano, per scoprire Torino, visitare il museo più completo e moderno di una squadra di calcio e soprattutto per godere delle bellezze di una città che sa offrire sorprese continue”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *