164935206 dbfbf166 0f02 47b3 ac18 5a6e96f8a1d4

Juventus, ufficiale il ritorno di Allegri: “Bentornato Max”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

164935206 dbfbf166 0f02 47b3 ac18 5a6e96f8a1d4

“Ripartiamo insieme. Ripartiamo con Max. Bentornato a casa, Mister”. I due indizi pubblicati un’ora prima (la cartina del Minnesota e la giacca a terra) hanno portato all’unico annuncio possibile: “Massimiliano Allegri è di nuovo l’allenatore della Juventus”. L’ufficialità è arrivata dopo una giornata movimentata, con l’addio a Pirlo in mattinata e i tweet pubblicati con chiari riferimenti al tecnico livornese. Dopo due anni di assenza sarà ancora “Max”, come viene chiamato sul sito della Juventus, a guidare i bianconeri: “Allegri ritrova una panchina che conosce molto bene, un club che ama e che lo ama, per iniziare oggi un nuovo viaggio insieme, verso nuovi traguardi”.

Pirlo: “Non mi aspettavo di essere mandato via”. La Juve lo ringrazia: “Esperienza speciale”

Contratto fino al 2025

Il tecnico ha sottoscritto un contratto quadriennale e percepirà, cifra non resa ufficiale dalla Juventus, 7 milioni di euro a stagione. La firma sul nuovo contratto è stata apposta ieri e riporta alla Continassa il tecnico che ha vinto “cinque Scudetti, quattro doppiette consecutive con la Coppa Italia, due Supercoppe, due Finali di Champions League in tre stagioni, imprese epiche in Italia e in Europa”.

Allegri alla Juve, un nuovo tecnico va bene due volte

“Pronti a costruire insieme il nostro futuro”

“Ci eravamo salutati, due anni fa, con un messaggio, “History Alone”, consegnato dal nostro Presidente al Mister – prosegue il comunicato della Juventus -: un abbraccio e una maglia su cui c’era, in due parole, tutta l’esperienza di Allegri alla Juve. Il bello della storia però è che non si ferma mai. E nel calcio, questo significa un concetto che abbiamo radicato nel nostro DNA: la vittoria più bella è la prossima. Sempre. E allora siamo pronti a ripartire con Allegri, a costruire insieme il nostro futuro; con la sua enorme professionalità, la sua forza morale, con le trovate geniali di un tecnico capace di sparigliare le carte, in campo e fuori. Con il suo sorriso, una sorta di “firma”. Con il suo modo di intendere il calcio e la vita: semplicità, voglia di sdrammatizzare, impegno a godersi ogni attimo bellissimo che vivere alla Juventus sa regalare e regalerà”.



Go to Source