Kamala Harris mulatta sapete come lha definita Repubblica. Senaldi inchioda la sinistra paranoica

“Kamala Harris mulatta, sapete come l’ha definita Repubblica?”. Senaldi inchioda la sinistra paranoica

Libero Quotidiano News
Pubblicità

10 novembre 2020

“La vice mulatta ha già rubato la scena a Biden?”. Pietro Senaldi, intervistato da Gli inascoltabili a Nsl Tv, si difende nella pretestuosa polemica per il titolo di Libero su Kamala Harris, vicepresidente americana. Un’espressione giudicata “razzista” da molti commentatori di sinistra, arrivati addirittura a rinnegare la lingua italiana in nome di un per giunta mal interpretato politicamente corretto. “Anche se diciamo che l’acqua è bagnata ci danno dei razzisti – sottolinea con amara ironia il direttore di Libero -, tutti ci hanno ammorbati sul voto ispanico, il voto nero, il voto bianco. Si sa che la componente razziale è fondamentale nella politica americana, la nostra stampa la esaltava con la favola di un immigrato alla Casa Bianca, Barack Obama. Ora lo diciamo noi e ci attaccano con un pretesto, perché non riescono a formulare un’idea”.
Ascolta qui l’intervista integrale di Pietro Senaldi a Gli inascoltabili su Nsl Tv 
“Il controllo della lingua – prosegue Senaldi – è roba da 1984 di George Orwell, il controllo della lingua è controllo del pensiero. Non si può dire che la Harris è mulatta? Ma in fondo l’ha scelta proprio perché avrebbe preso i voti degli afroamericani. Mulatta non è un insulto, in America la Reuters parla di “razza mista”. Repubblica e Avvenire l’hanno definita ‘di colore’: è solo un attacco a Libero, è evidente. Io vengo processato per espressioni linguistiche. Tutta la stampa l’ha esaltata in quanto prima vice donna, se io avessi sottolineato il fatto che è una donna mi avrebbero accusato di sessismo”, 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source