Kate Middleton all’incoronazione di Carlo: l’abito e il copricapo floreale

Pubblicità
Pubblicità

Tiara o non tiara? La risposta alla domanda che circolava nei giorni scorsi in merito all’outfit che avrebbe sfoggiato la principessa Kate per l’incoronazione di suo suocero, re Carlo III è qui: niente gioielli formali, per la cerimonia che il sovrano ha voluto moderna, veloce, con meno invitati e meno complicazioni. Doveva anche essere morigerata in fatto di costi, ma la stima di 100 milioni di sterline è già cresciuta a 250, per via della sicurezza imposta a un evento cui assistono 2.000 ospiti tra cui i membri delle famiglie reali e i leader politici del mondo intero.

Kate indossa un modello di Alexander McQueen, suo stilista di elezione, cui in veste di duchessa prima e di principessa poi Kate si affida per le occasioni più importanti, dal battesimo dei figli ai matrimoni della famiglia reale.
È un abito con mantello con ricamati i simboli del Regno Unito e nei colori della sua bandiera. 
I quattro fiori delle nazioni d’origine – rosa inglese, cardo scozzese, narciso gallese e trifoglio irlandese – sono stati ricamati sull’abito.

In testa, non propriamente una tiara ma un copricapo coordinato Jess Collett x Alexander McQueen in argento, con cristalli e ricami di foglie. Identico a quello che, in piccolo, indossa la figlia, la principessa Charlotte. Un richiamo al mondo naturale tanto amato dal nuovo re. Che per la sua incoronazione ha voluto richiami a fiori e piante ovunque, a partire dall’invito alla cerimonia fino alla paratia scelta da Carlo in cui figurano gli angeli, i nomi dei Paesi del Commonwealth e un albero a sottolineare il suo convinto ambientalismo.
Kate ha reso omaggio alla defunta regina indossando la collana con festone di Giorgio VI, un regalo del re Giorgio VI per sua figlia, l’allora principessa Elisabetta.

L’ultimo dettaglio del look di Kate è anche il più significativo: gli orecchini sono un omaggio alla compianta lady Diana perché a lei appartenevano. Con perle e diamanti.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *