La bici del Papa all’asta per gli ospedali di Brescia e Bergamo

La Republica News

In palio nella lotteria che partirà domani per raccogliere fondi a favore degli ospedali di Brescia e di Bergamo c’è anche la bicicletta del Papa. O meglio, la bici bianca e gialla (colori del Vaticano) che Peter Sagan, lo slovacco tre volte campione del mondo di ciclismo su strada, ha donato a Papa Francesco nel 2018. L’iniziativa della raccolta fondi è nata proprio dal ponteficie, come spiega la Guardia di Finanza, tra gli organizzatori della lotteria: “È stato proprio papa Francesco, durante un’udienza straordinaria lo scorso 20 maggio, – si legge in una nota –  a promuovere e sostenere l’iniziativa di beneficenza “We Run Together”, organizzata da Athletica Vaticana, il gruppo sportivo Fiamme Gialle, ‘Cortile dei Gentili’ e Fidal-Lazio”.Fra gli altri premi all’asta anche una maglia della Roma in edizione limitata e la fascia di capitano, entrambe autografate da Francesco Totti; il body da gara autografato di Filippo Tortu, che si è anche reso disponibile per una cena e un allenamento a Milano. Ci sono inoltre il costume e la cuffia di Federica Pellegrini autografati, gli scarponi da gara autografati della campionessa di sci Sofia Goggia. Ancora, una visita per due persone alla base logistica di Luna Rossa a Cagliari e la maglia del team autografata da tutto l’equipaggio, una cena per due persone a casa dei campioni di scherma Valerio Aspromonte e Carolina Erba, una cena a Castellammare di Stabia in compagnia di Beppe e Carmine Abbagnale e la maglia che Alex Zanardi ha indossato alle Olimpiadi di Rio nel 2016.La nota sottolinea che “il Papa, da sempre impegnato a promuovere lo sport come strumento di inclusione, condivisione, pace e solidarietà, invita tutti a “correre con il cuore”, partecipando all’iniziativa, poiché “proprio i veri valori dello sport sono particolarmente importanti per affrontare questo tempo di pandemia e, soprattutto, la difficile ripartenza”. L’asta per aggiudicarsi i premi partirà domani sulla piattaforma CharityStars.com.

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi