La contestazione della giornalista ucraina contro l’immobilismo Nato ammutolisce Johnson

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso della conferenza stampa che il premier Boris Johnson ha tenuto durante la sua visita in Polonia, una giornalista e attivista ucraina, Daria Kaleniuk, ha preso la parola e ha contestato a Johnson l’immobilismo Nato. Kaleniuk, in un appello accorato e commosso, ha chiesto al primo ministro di introdurre una ‘no-fly zone’ sull’Ucraina e accusato la Nato di non offrire adeguato sostegno alla popolazione sotto attacco. “La Nato non è disposta a difendere l’Ucraina perché ha paura della terza guerra mondiale – ha detto -, ma è già iniziata e sono i bambini ucraini a subirne le conseguenze”. In proposito si era già espresso oggi il vice di Johnson, Dominic Raab, e lo stesso premier nel rispondere a Kaleniuk ha escluso la possibilità di introdurre uno strumento in grado di innescare uno scontro militare diretto fra Mosca e l’Alleanza Atlantica. 

SEGUI LA DIRETTA

Iscriviti alla newsletter quotidiana

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source