“La mia Janna uccisa dal menefreghismo, non hanno usato neppure il Gps” parla il compagno della turista morta a Roma

Pubblicità
Pubblicità

Il giorno dopo la denuncia, su Repubblica, dell’assurda morte della sua compagna, Michael Douglas è sbalordito e infuriato. A colpirlo è stato quanto dichiarato dall’assessorato regionale alla Sanità e dall’Ares 118 riguardo alla vicenda attorno alla morte improvvisa della 25enne Janna Gommelt, avvenuta il 20 gennaio. Un uno due pesantissimo per Douglas, che ieri è stato costretto a rivivere quei momenti di disperazione riascoltando lo stralcio audio di due minuti diffuso dalla Regione (una minima parte dei più di 20 minuti di comunicazioni tra l’uomo disperato e i soccorritori); e come se non bastasse, ha dovuto leggere la nota di Ares 118, che ha pensato di giustificare il mancato soccorso tempestivo accusando Douglas stesso di aver…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1 Anno a soli 24€

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source