La Nasa “telefona” ai vulcaniani: così Star Trek diventa un po’ più reale

Pubblicità
Pubblicità

Ideatore di Star Trek ma anche ispiratore per generazioni di scienziati: la Nasa festeggia quelli che sarebbero stati i 100 anni di Gene Roddenberry e lo fa inviando un messaggio radio verso il sistema stellare 40 Eridani attorno al quale orbitava il pianeta Vulcano.

“Marziani per un anno”, la Nasa cerca inquilini per il Pianeta rosso

Scomparso nel 1991 all’età di 80 anni Gene Roddenberry oggi avrebbe compiuto 100 anni e per festeggiarlo la Nasa ha dato il via a una serie di iniziative tra cui l’invio attraverso una delle grandi antenne del Complesso per le comunicazioni nello spazio profondo di Goldstone di un audio messaggio di 3 minuti verso 40 Eridani. Proprio questo complesso stellare era nella saga di Star Trek la casa dei vulcaniani, i più celebri tra gli alieni umanoidi dell’universo fantascientifico della serie e di cui faceva parte anche il comandante Spock.

Nello spazio per quattro minuti. Così Branson apre l’era dell’astroturismo

“Per anni – ha spiegato Bill Nelson, amministratore della Nasa – la rappresentazione immaginaria di Star Trek dell’esplorazione ha ispirato la NASA nella ricerca di avventurarsi nel cosmo. E’ stato di ispirazione per l’intero Paese e certamente è stato un uomo in anticipo sui tempi”. L’universo immaginario di Star Trek ha infatti permeato profondamente la società occidentale compreso il settore della ricerca scientifica e non a caso la Nasa scelse per il suo primo Shuttle il nome Enterprise, lo stesso delle grandi navi stellari della saga. Roddenberry richiese e ottenne che le sue ceneri venissero lanciate nello Spazio e oggi sono tantissimi gli auguri sui social che arrivano da scienziati, personaggi noti e anche giovanissimi amanti della sua fantascienza, tutti rigorosamente con il tradizionale saluto vulcaniano.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source