La proposta di De Laurentiis: 16 squadre e una sola retrocessione, la Serie A come una “superleghina” all’italiana

Pubblicità
Pubblicità

Il piano di riforma dei campionati è rimasto ancora una volta lettera morta. L’assemblea informale dei presidenti di Serie A ha un compito, che si è data lei stessa: presentare al più presto un documento a governo e Federcalcio, con una proposta di riforma per rendere più sostenibile il campionato italiano e ottimizzare le risorse. Ma la riunione, da remoto, tra i club di Serie A ha prodotto un nulla di fatto. Anzi, nelle maglie di una discussione immediatamente paludata, è nata persino una nuova proposta. La base della discussione, avanzata ormai più di dieci giorni fa, è la riforma della Serie A da 20 a 18 squadre, con due retrocessioni (più magari un playout). Un modo per ridistribuire tra meno società i soldi delle tv e garantirsi maggiori margini e meno spese.

Addio Superlega: ecco il documento per la pace in Serie A

Aurelio e la sua “superleghina”

Ma al tavolo Aurelio De Laurentiis ha presentato una proposta nuova. Prendendo la parola, e tenendola a lungo, quasi un’ora, il numero uno del Napoli ha presentato un’idea: soltanto 16 squadre e una retrocessione appena. In pratica, al tavolo delle discussioni De Laurentiis ha portato una sorta di Superleghina tutta italiana, che trasformerebbe la Serie A in un circolo chiuso, con un ricambio minimo di una sola società all’anno, praticamente inaccessibile a chiunque e con scarsissime possibilità di retrocedere.

La Serie A rischia il fallimento: ecco perché i club vogliono rinviare gli stipendi

Lotito presente nonostante la squalifica

Una proposta che non ha convinto, per usare un eufemismo, il gruppo dei dirigenti, che restano orientati sulla riforma delle 18 squadre. Il lungo discorso però ha monopolizzato o quasi la discussione e non si è arrivati a una conclusione. Il problema è che il tempo stringe, visto che Gravina vuole portare in discussione la questione prima del 30 giugno. A sostenere De Laurentiis sul tema, soprattutto l’immancabile Lotito. A cui nemmeno la squalifica ha impedito di esserci: fosse stata un’Assemblea ufficiale non avrebbe potuto partecipare. Ma chi gli impedisce di presenziare a una riunione informale tra presidenti?  

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source