125034767 34ec8e4c cfec 411c 9e5b 8971f5e1b3ed

La Roma si spacca, destino segnato per Fonseca. In corsa Allegri e Nagelsmann

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

125034767 34ec8e4c cfec 411c 9e5b 8971f5e1b3ed

ROMA – Alla fine sono volati gli stracci. La Roma si spacca, da una parte Fonseca, dall’altra la squadra. La sconfitta con il Napoli, la sesta su 9 scontri diretti, ha riportato a galla vecchi problemi, distonie e accuse reciproche. Delle difficoltà nel rapporto tra i giocatori e l’allenatore s’è parlato tanto e spesso: mai come ieri però questa distanza è emersa nelle parole, prima ancora che nei comportamenti. Il futuro pare quasi segnato: in estate a meno di miracoli si cambierà, i Friedkin hanno già iniziato i casting, combattuti tra l’esperienza di Allegri e la freschezza del tedesco Nagelsmann.

Juve, Pirlo è l’ultimo dei colpevoli. Il Napoli con Gattuso è in buone mani

Il botta e risposta

Pedro che esce nervoso e infastidito, chiedendo spiegazioni. Dzeko che fissa il vuoto, sperduto, perso, esausto. Le istantanee della partita contro il Napoli si sono arricchite a fine gara di un nuovo capitolo con le parole di Lorenzo Pellegrini. Il capitano scelto da Paulo Fonseca che in un baleno scava il fossato che separa squadra e allenatore. “Forse non abbiamo la mentalità per partite come questa, non abbiamo avuto l’atteggiamento giusto”, aveva detto Fonseca pochi istanti dopo il fischio finale. “Non mi sento di dire che non abbiamo avuto l’atteggiamento giusto. Dal mio punto di vista, abbiamo preparato la partita non pressando alto”. Ognuno, alla fine del discorso si è preso poi le proprie responsabilità. Ma la distanza su cosa abbia sbagliato la Roma è chiaramente un rinfacciarsi reciprocamente gli errori commessi.

Roma-Napoli 0-2, Mertens avvicina gli azzurri alla Champions

Una frattura nata ad agosto

La prima, grande frattura s’era registrata dopo l’eliminazione di agosto col Siviglia negli ottavi di Europa League. Il tecnico chiese – verrebbe da dire impose – un’epurazione dei big dello spogliatoio. Fuori Kolarov (all’Inter) e lo stesso Dzeko (alla Juve), salvo poi dover fare retromarcia per dei dubbi sulle condizioni di Milik, l’erede designato. A gennaio nuovo fronte: le sei sostituzioni con lo Spezia, la nuova lite Dzeko-Fonseca, il bosniaco nuovamente venduto (stavolta all’Inter) e nuova retromarcia. La squadra ha sempre ammortizzato, ma ora è satura. L’Europa League resta di fatto l’unico fronte aperto per inseguire la Champions League. Ma è difficile che valga al portoghese la permanenza.

Roma, Fonseca: “Primo tempo senza coraggio, ma è anche colpa mia”

Tra Allegri e Nagelsmann

Allegri a Sky sI è di fatto messo sul mercato: “Qualche squadra mi ha cercato, a giugno vorrei tornare ad allenare”. La Roma ha parlato con lui in tempi non sospetti incassando anche la sua disponibilità, ma ovviamente non è l’unica interessata. Anche per questo la triade Ryan Friedkin (vice presidente figlio di Dan), Tiago Pinto (general manager del club) e Charles Gould (consulente esterno) ha intrapreso uno scouting sui migliori tecnici europei individuando una lista con in cima il tedesco Julian Nagelsman, 33 anni, del Lipsia. Due filosofie opposte tra cui scegliere: la corsa con vista sul futuro è iniziata. Quella di Fonseca sembra arrivata invece al capolinea.



Go to Source