La suocera di Aboubakar e gli affari con esponenti del Pd locali: i dirigenti dem firmarono i bilanci della coop di Sezze

Pubblicità
Pubblicità

Non ci sono solo le proroghe senza gara per la gestione dei centri per migranti e non c’è neppure soltanto il lavoro dato a un esponente dem. Il rapporto tra il Pd pontino e le coop della suocera e della moglie del deputato Aboubakar Soumahoro sembra più profondo.

La Karibu, la cooperativa con sede a Sezze e che nell’arco di venti anni ha portato a Maria Therese Mukamitsindo e poi pure a Liliane Murekatete circa 65 milioni di euro, dai Monti Lepini ha ben presto allargato il giro d’affari a Latina, la seconda città del Lazio, e poi a diversi altri centri italiani.

Proprio

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito

3,99€/settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source