La trappola ucraina alla spia russa

Pubblicità
Pubblicità

La cattura di una presunta spia russa, che con il telefonino avrebbe trasmesso all’artiglieria di Mosca le coordinate della postazioni ucraine. Il video è stato diffuso dalla propaganda di Kiev e mostra l’agguato finale contro “l’agente russo”. L’uomo sta camminando in una stradina alle porte di Kharkiv, maneggiando un cellulare. Ma quando svolta l’angolo, forse diretto alla sua casa, da un furgone escono tre militari dell’intelligence ucraina che lo sbattono a terra e cominciano a perquisirlo. E’ verosimile che le accuse contro di lui nascano proprio dall’intercettazione delle telefonate: in prima linea entrambi gli eserciti usano sistemi semoventi per controllare le comunicazioni radio e quelle dei cellulari. Dal primo giorno della guerra gli ucraini hanno l’ossessione della quinta colonna, composta da 007 di Mosca e da elementi filorussi della popolazione, che collabora con gli invasori per segnalare l’attività della resistenza.

A cura di Gianluca Di Feo

SEGUI LA DIRETTA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *