L’addobbo è da incubi: dall’albero di Natale spunta un serpente velenoso

Pubblicità
Pubblicità

Non era certo l’addobbo natalizio che si sarebbero aspettati di trovare. In Sudafrica una famiglia ha scoperto per caso un serpente nascosto nelle decorazioni natalizie dell’albero di Natale. Il boomslang, questo il nome in Afrikaans del rettile, è un serpente arborifero estremamente velenoso e letale anche per l’uomo. La famiglia Wild stava decorando l’albero quando la moglie si è accorta che i loro due gatti avevano puntato un punto preciso dell’albero. “All’inizio abbiamo pensato si trattasse di un topo – ha precisato Marcela Wild – ma quando mi sono avvicinata a controllare mi sono accorta che si trattava di un serpente e ho iniziato ad urlare”. La famiglia ha immediatamente chiamato un cacciatore di serpenti che ha suggerito loro di far in modo che il serpente rimanesse nell’albero tutto il tempo necessario prima del suo arrivo. “Abbiamo iniziato a lanciargli pacchi regali per tenerlo lontano, sono state ore di attesa molto lunghe prima che l’esperto arrivasse per la cattura, solo a quel punto abbiamo potuto tirare un sospiro di sollievo”. I boomslang, questo il nome comune del Dispholidus typus, “possono aprire la bocca di oltre 170 gradi – ha spiegato Gerrie Heyn, l’uomo che ha catturato in tutta sicurezza il serpente – e il loro morso causa una morta estremamente lenta e dolorosa”. Il veleno è infatti un potente anticoagulante che, in caso di mancanza di antidoto, può essere letale. “I decessi causati dal boomslang – ha aggiunto l’esperto – non sono però così comuni come quelli dovuti al morso del cobra o del mamba per il solo motivo che il loro veleno, per quanto letale, ha un’azione sul nostro organismo estremamente lenta: sono necessarie circa 20 ore prima che faccia effetto, ed è solo per questo motivo che è più semplice riuscire a salvarsi se morsi. Sono animali solitari e pacifici e attaccano – ha concluso – solo se disturbati”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source