Lampedusa, lo strano sbarco di 11 tunisini con bagagli e barboncino al seguito

La Republica News

Il barboncino al guinzaglio, i bagagli, la donna col cappello di paglia. Sono le immagini dello strano sbarco di poche ore fa a Lampedusa, l’ultimo in ordine di tempo in questa estate. Migranti abbigliati come turisti, forse per non dare nell’occhio. Anche se – spiegano dalla guardia costiera – è impossibile passare inosservati a Lampedusa. Di fatto a Lampedusa non erano mai arrivati migranti con trolley e cagnolino al seguito.I tunisini arrivati sono in tutto 11, fra cui tre donne, e intercettati dalla guardia costiera che conferma la mise di certo inusuale. Alcuni migranti portavano con sé anche i bagagli.Dalla Tunisia gli arrivi, in questi giorni, sono stati numerosi. Si scappa dalla povertà. “Sono stata 15 anni in Italia, poi sono tornata nel mio Paese e ora sono tornata di nuovo in Italia perché mi piace. Spero di trovare un lavoro e la libertà perché in Tunisia è piena di carceri, è piena di schifo”. ha raccontato la donna tunisina proprietaria del barboncino dopo lo sbarco a molo Madonnina a Lampedusa. Intervistata da News Mediaset, la donna – occhiali da sole e zainetto in spalla – ha ricostruito il viaggio: “Abbiamo comprato, tutti quanti, una barca. Ognuno di noi ha dato un poco di soldi e abbiamo guidato per arrivare qua”. Accanto a lei un uomo, in canottiera, pantaloncini e cappellino, all’improvviso è sbottato: “Sono scappato dal mio Paese”.


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi