Lanno scorso... Amadeus una clamorosa rivelazione su Sanremo

“L’anno scorso…”, Amadeus, una clamorosa rivelazione su Sanremo

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

Francesco Fredella 28 dicembre 2020

Amadeus mette di nuovo le cuffie alle orecchie. La radio, la sua passione di sempre, è come il primo amore: non si dimentica mai. Ma l’improvvisata di Amadeus a Radio Zeta, che è il punto di riferimento della Generazione futuro, fa connettere tutti gli speaker tramite Zoom. Una vera innovazione, anzi una rivoluzione, per parlare del prossimo Festival di Sanremo. Il conduttore di Sanremo chiacchiera con gli speaker della radio “Generazione futuro” mentre Camilla Ghini e Nicole Iannaccone (la più giovane speaker d’Italia) iniziano a fare le prime domande. “Si capisce che ascolto Radio Zeta dal cast? E’ vero. Ascolto radio Zeta. Potete verificarlo in auto, è parcheggiata qui sotto”, dice Amadeus. “Anche quest’anno molti giovani saranno sul palco dell’Ariston. Con un cast così mi aspetto la partecipazione di molti ragazzi”, continua. 

Il 2 marzo inizierà il secondo Festival targato Amadeus ed è pieno di sorprese. Tra i 26 cantanti ci sono molti nati proprio grazie a Radio Zeta. Solo qualche nome: Fulmincci, Come Cose, Willie Peyote, Aiello, Ghemon, Random, Colapesce, Di Martino e non solo (perché la lista continua). “Sono un punto di riferimento per noi molti di questi artisti”, dice la giovanissima Nicole. E Amadeus coglie la palla al balzo scherzando: “Molti di loro li ho conosciuti proprio grazie a Radio Zeta, pensate a Gio Evan. La lista di Sanremo l’avevate fatta voi prima di me. Se offri ai giovani cose che a loro piacciono allora si avvicinano. L’anno scorso il 66% dei giovani a Sanremo e con un cast così mi aspetto un’alta percentuale di giovani”, continua il conduttore di Sanremo. “Quando l’anno scorso mi hanno detto che a giugno c’erano 10 canzoni di Sanremo ancora in classifica sono stato felicissimo”, conclude Amadeus. 
 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source