Lannuncio a sorpresa di Trump Anche il Marocco allaccia relazioni diplomatiche con Israele

L’annuncio a sorpresa di Trump: “Anche il Marocco allaccia relazioni diplomatiche con Israele”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

WASHINGTON – Il Marocco e Israele hanno concordato di stabilire relazioni diplomatiche. Lo ha annunciato Donald Trump su Twitter. “Un’altra svolta storica oggi. I nostri due grandi amici Israele e il regno del Marocco hanno concordato di ristabilire complete relazioni diplomatiche, una svolta enorme per la pace in Medio Oriente!”, ha scritto il presidente uscente degli Stati Uniti. Il Marocco si unisce dunque agli Emirati arabi uniti, al Bahrein e al Sudan che negli ultimi due mesi hanno normalizzato le relazioni con lo Stato ebraico, firmando a Washington i cosiddetti “Accordi di Abramo”.In contemporanea, il leader Usa fa un’altra mossa controversa, riconoscendo la sovranità marocchina sul territorio del Sahara occidentale. “Oggi ho firmato una proclamazione che riconosce la sovranità del Marocco sul Sahara occidentale”: ha annunciato lo stesso Trump sempre via Twitter. Il territorio del Sahara occidentale è conteso tra il Marocco e il Fronte Polisario (Fronte di Liberazione Popolare di Saguia el Hamra e del Río de Oro), movimento politico che ne ha dichiarato l’indipendenza proclamando la Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi. Secondo Trump la “proposta di autonomia seria, credibile e realistica è l’unica base per una soluzione giusta e duratura per garantire pace e prosperità”.

Al Otaiba: “Intese segrete a colpi di strette di mano. Così abbiamo raggiunto gli Accordi di Abramo”
di MAURIZIO MOLINARI 15 Ottobre 2020

Il Marocco è il quarto Paese musulmano a riconoscere Israele nel quadro degli Accordi di Abramo iniziati durante l’estate con un accordo tra lo Stato ebraico e gli Emirati arabi uniti. Il Bahrein e il Sudan hanno seguito l’esempio e i funzionari dell’amministrazione hanno anche cercato di portare l’Arabia Saudita nel gruppo. Tutti questi Paesi sono geograficamente lontani dal conflitto israelo-palestinese, il che rende più facile concludere accordi con Israele e gli Stati Uniti. Il Marocco ha anche stretti legami con l’Arabia Saudita, che ha dato il suo tacito sostegno al processo di normalizzazione con Israele, anche in un momento in cui la pace con i palestinesi è a un punto morto. Si dice da tempo che il Marocco fosse pronto a stabilire legami con Tel Aviv.Prima della fondazione di Israele nel 1948, il Marocco ospitava una numerosa popolazione ebraica, molti dei cui antenati migrarono in Nord Africa dalla Spagna e dal Portogallo durante l’Inquisizione spagnola. Oggi, centinaia di migliaia di ebrei israeliani fanno risalire la loro discendenza al Marocco e una piccola comunità di ebrei, stimata in diverse migliaia di persone, continua a vivere in Marocco. Il paese nordafricano ha da anni legami informali con Israele. Israele e Marocco hanno stabilito relazioni diplomatiche di basso livello durante gli anni ’90 in seguito agli accordi di pace interinali di Tel Aviv con i palestinesi, ma quei legami sono stati sospesi dopo lo scoppio della seconda rivolta palestinese nel 2000. Da allora, tuttavia, i legami informali sono continuati e si stima che 50.000 israeliani si rechino in Marocco ogni anno per conoscere la comunità ebraica e ripercorrere le loro storie familiari.

Argomenti



Go to Source