Lappello di Giacomo studente dellanno Ridateci la scuola e la nostra porta verso la liberta

L’appello di Giacomo, studente dell’anno: “Ridateci la scuola, è la nostra porta verso la libertà”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

184401545 92a8a596 c47d 4434 b911 ffd9d05c65ac

Scrisse una lettera alla scuola nel primo lockdown che divenne virale, sorprese, dava voce ai ragazzi chiusi nelle loro stanze e colpì l’attenzione del presidente Mattarella che gli rispose. E per questo ora Your Edu Action (www.youreduaction.it), organizzazione che si occupa del mondo della scuola e della qualità dell’insegnamento, lo ha premiato come migliore studente dell’anno. Giacomo Bertò, 17 anni, autore di un blog (“Pensieri&parole”) e un libro (“Jackyc’è”), frequenta la quarta del liceo classico Arcivescovile di Trento.

Sorpreso da questo premio?

“Non me lo aspettavo e ne sono felicissimo. Ma non pensate che io sia un secchione, ho la media del sette perché la matematica non è il mio forte. La motivazione del riconoscimento sta nel avere svolto un ruolo nella scuola con maggiore animosità”.

Eppure la scuola all’inizio non è stata semplice.

“Alle elementari e poi alle medie sono stato vittima di bullismo e cyberbullismo, ma ne sono uscito chiedendo aiuto e con la scrittura. Fondamentale è stata per me una prof di Lettere alle medie”.

Durante il primo lockdown ha scritto una lettera d’amore alla scuola che era stata chiusa, dando voce a ciò che voi ragazzi, così poco ascoltati, stavate vivendo. La scriverebbe ancora?

“Sì non cambierei una virgola, lo ripeto: una scuola chiusa è un mare di opportunità rubate. Spero che questo ora sia stato compreso. La scuola per me è una Ferrari, solo che è ridotta a un rottame perché per troppo tempo non è stata curata, sarebbe ora di farlo. Nel primo lockdown non ci hanno considerato, nel secondo è andata anche peggio, anche se noi eravamo più preparati. Noi vorremmo che qualcuno ci ascoltasse e che capisse il valore che la scuola ha per noi. Certo, magari diciamo di odiarla, ma in fondo l’amiamo perché con le lezioni a distanza la lavagna non c’è più, non c’è il mio vicino di banco, tutto è tanto, troppo lontano. Perdi gli sguardi dei prof e poi, dove è la mia bidella preferita? Noi vogliamo tornare”.

Un appello al governo e alle Regioni per rientrare il 7 gennaio?

“Ci conto e ci spero, salvaguardando la salute. Per noi la scuola è in presenza. Ora ci dicono tutti di guardare al futuro, giusto. Ma non lo puoi fare senza un presente stabile. Quello che chiediamo, che significa tornare tra i banchi”.

Il suo sogno?

“Ho la passione per la scrittura, ero in seconda elementare quando aprivo il pc dei miei genitori perché volevo scrivere il mio primo libro. Vorrei fare lo scrittore, e un libro l’ho scritto poi da adolescente, o il giornalista. Mi considero un sognatore ad occhi aperti, educato al valore del rispetto e del sacrificio. La mia filosofia di vita è: se hai un sogno nel cassetto non lasciarlo ammuffire”.



Go to Source