104756270 0e62c80c 1387 49e1 9dd4 b054d697b09f

Lazio prenotazioni vaccino covid over 80, sito in tilt: i dipendenti di Laziocrea erano in ferie

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

104756270 0e62c80c 1387 49e1 9dd4 b054d697b09f

Impegnata sul fronte della sfida digitale al Covid-19, Laziocrea, la società in house della Regione Lazio che ha rovinato la festa del click day per le prenotazioni del vaccino tra gli over 80, si è presa un mese di vacanza.

È accaduto a dicembre quando, nel pieno delle attività di lavorazione sulle piattaforme digitali che in questi mesi dovranno sostenere la campagna vaccinale della regione, gli uffici della società si sono svuotati con una media di assenze che ha superato ampiamente il 30%.

I tassi ufficiali della controllata, che tengono dentro le assenze per malattia, i permessi e le ferie, raccontano come – nei pressi delle feste di Natale – quasi 500 dei 1.700 dipendenti della società siano rimasti a casa.

Nella direzione open government e territori il tasso di assenza ha raggiunto il 40%; 36% nella direzione sistemi di emergenza; 37% nella direzione amministrazione e finanza; 29% nella direzione sistemi centrali e accesso per la sanità; e il 33% perfino nell’ufficio del presidente Luigi Pomponio.

Vaccini over 80 nel Lazio. Prenotazioni in tilt, la rivolta degli utenti: “Siete ridicoli”. Ma la Regione insiste: “Funzionano”

Complici le feste natalizie, l’attività si è inevitabilmente ridotta, rimane da capire se questa contrazione abbia avuto contraccolpi sulle operazioni tecniche necessarie per mettere a punto l’architettura digitale della Regione in vista delle esigenze e soprattutto dei tempi dettati dalla pandemia.

La giustificazione dell’F5, il tasto di aggiornamento della pagina che avrebbe causato il blackout per via dei troppi clic, spiega solo in parte le fatiche del primo giorno che, almeno secondo la Regione e la stessa Laziocrea, sono state poi recuperare raggiungendo ritmi di prenotazione in linea con le previsioni.

Superate le contestazioni del momento, rimane in piedi il grande punto interrogativo sulla bontà di un’operazione di reclutamento online indirizzata ai cittadini con oltre 80 anni di età, non proprio dei nativi digitali, costretti a reclutare figli e nipoti per ottenere l’appuntamento della vita, quello con la salvezza.



Go to Source