Lazio, Sarri: “Coppa Italia antisportiva, torneo pilotato per fare arrivare certe squadre in diretta tv”

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – “La Coppa Italia è una delle competizioni più antisportive al mondo”. Alla vigilia dei quarti di finale contro il Milan, Maurizio Sarri a Lazio Style Channel anima la polemica contro la Coppa Italia: “È palesemente fatta per far arrivare alle dirette televisive certe squadre. Non si sa dove, quando e da chi viene fatto il sorteggio. Ma è così e noi abbiamo lo stesso voglia e fame per giocarcela a tutti i costi contro una squadra in lotta per lo scudetto”. Quel Milan che a settembre a San Siro aveva inflitto il primo pesante stop alla Lazio di Sarri: “Noi siamo cambiati da quel giorno. L’importante – ha sottolineato il tecnico – è che non dobbiamo essere condizionati da quella sconfitta netta. Dobbiamo giocare con tanta motivazione: per noi che siamo nella terra di mezzo la Coppa Italia è un traguardo importante, mentre per loro, in lotta per il primo posto, può essere un traguardo secondario”.

Lazio, Sarri: “Questa squadra mi sta facendo riscoprire sensazioni forti”

Ogni gara a una storia a sé. “Soprattutto quelle a eliminazione diretta”, ha spiegato Sarri, felice per i progressi della sua Lazio, reduce dal prezioso 3-0 di sabato a Firenze: “Il Milan viene da una grande vittoria nel derby che ti dà tanta carica ma anche noi abbiamo ottenuto un successo molto importante”. Sulla formazione, il Comandante ha glissato: “Non ne ho ancora idea”. Tanti i dubbi sull’undici titolare: Reina torna tra i pali, possibile l’impiego dall’inizio di Hysaj (sabato in panchina) al posto di Lazzari mentre al centro Patric è in vantaggio su Radu. Soliti ballottaggi a centrocampo: Cataldi si gioca la maglia con Leiva, Basic con Luis Alberto. Nessun problema per Milinkovic, in gruppo con i compagni dopo aver svolto lunedì soltanto lavoro in palestra. 

Fiorentina-Lazio 0-3, il dopo Vlahovic inizia male per i viola: Milinkovic e Immobile trascinano i biancocelesti

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source