Lazio, Sarri subito furioso: ”Giocare col mercato aperto è uno scandalo. E il nostro calendario non è certo casuale…”

Pubblicità
Pubblicità

La Serie A deve ancora iniziare, ma Maurizio Sarri è già entrato in clima campionato. Alla vigilia dell’esordio della Lazio in casa del Lecce, il tecnico biancoceleste ha sbottato in conferenza stampa. Troppe cose non sono gli sono andate giù tra mercato aperto, fake news e calendario di dubbia regolarità.

Sarri: ‘Il mercato dovrebbe durare 10 giorni”

Uno dei temi maldigeriti dall’allenatore della Lazio è iniziare la stagione con il calciomercato ancora aperto (e sarà così per le prime tre giornate): ”Il fatto che il mercato sia ancora aperto è uno scandalo. Così come è uno scandalo che sia aperto a gennaio. In Italia ci lamentiamo che i mercanti abbiano in mano il mercato del calcio mondiale, ma che leggi abbiamo fatto per evitarlo? Facciamo un mercato di 10 giorni e vedrete che i procuratori conteranno molto meno. Mi risulta difficile parlare ora di mercato, chiedete a Lotito e Fabiani”.

Sarri: ”Su di me il 75% di cose scritte sono bufale”

A proposito di mercato e del rapporto con Lotito, si è scritto molto di un Sarri infuriato nel ritiro di Auronzo di Cadore per gli acquisti che non arrivavano. Non a caso, dopo l’incontro con il presidente, sono arrivati nell’ordine Kamada, Isaksen, Pellegrini e Rovella. All’allenatore biancoceleste però certe parole non sono piaciute: ”Io vi ho sentito dire cazzate su di me che mai avevo sentito. Il 75% delle notizie che avete scritto su di me erano bufale. Alla gente dovete far sapere la verità. Se nelle cose serie il livello d’informazione è lo stesso, sono preoccupato”.

Sarri: ”Il calendario non è casuale”

A mandare su tutte le furie Sarri è anche il tema calendario. ”Un mio amico statistico mi ha detto che fare le prime tre trasferte su quattro contro Juve, Napoli e Milan è praticamente impossibile. Penso che non sia un calendario casuale. È incredibile che la seconda classificata dello scorso campionato affronti Juve, Napoli e Milan nelle prime quattro trasferte”. L’anno scorso la squadra ha sofferto molto gli impegni di coppa giocando il giovedì: ”Le energie mentali e nervose contano più di quelle fisiche. Giocare giovedì e domenica è stato difficile. Vedremo le energie nervose che ci toglierà la Champions”.

La Lazio ha allargato la rosa. Andare avanti in Champions è la nuova missione di Sarri

Sarri: ”I nuovi non ancora pronti”

Parlando di campo, Sarri ammette che i neo acquisti sono ancora in fase di rodaggio: ”I nuovi acquisti sono indietro di condizione. Rovella viene da un piccolo infortunio, Kamada è stato fermo a lungo. Solo Isaksen mi sembra in condizione, ma è indietro nell’interpretazione del ruolo nella nostra squadra”. Grande curiosità proprio su Kamada, primo giapponese nella storia della Lazio: ”Può partite titolare, ma non penso abbia i 90 minuti nelle gambe.  un palleggiatore, non ha le caratteristiche di Milinkovic, è completamente diverso. Non è ancora inserito nei nostri meccanismi, però è un giocatore fatto che può tirar fuori la prestazione. Gli altri hanno più difficoltà. Cambiare lingua, paese, cibo, non è mai facile. Vidi soffrire Platini all’inizio in Italia, e arrivava da appena 400 km di distanza”.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *