Le Borse di oggi, 2 dicembre. Listini cauti prima dei dati sul lavoro Usa. Opa di De Agostini su DeA Capital

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Si annuncia una partenza interlocutoria per i listini europei, in attesa di leggere i dati sul lavoro Usa che – a pochi giorni dalla frenata dell’inflazione – potrebbero mostrare chiaramente che la Fed può rallentare le sue strette monetarie. Anche Tokyo si è mossa in calo all’indomani della chiusura mista di Wall Street, dove ha pesato più la flessione del settore delle costruzioni che l’indice Pce di ottobre che ha certificato il rallentamento dei prezzi.

Blackstone, stop ai riscatti sul mega-fondo immobiliare

Blackstone ha deciso di limitare i disinvestimenti dal suo fondo immobiliare, dopo il forte aumento delle richieste di riscatto da parte degli investitori. In una lettera pubblicata sul sito del Blackstone real estate income trust, creato sei anni fa, il mega fondo ha comunicato che le richieste di riscatto hanno già oltrepassato il limite trimestrale del 5% per il Reit (Real estate investment trust), che aveva 69 miliardi di dollari di asset netti alla fine di ottobre. La notizia che Blackstone sta limitando i riscatti dei fondi pesa sull’andamento del suo titolo, che ha perso ieri il 7% al Nasdaq.

Unicredit, accordo per 850 assunti. Arrivano 2.400 tra premio di risultato e bonus carovita

Accordo raggiunto tra Unicredit e sindacati sul turnover: prevede un importante riconoscimento economico anche l’erogazione a tutti i dipendenti del perimetro Italia di una cifra complessiva di 2.400 euro che comprende 800 euro detassati sottoforma di welfare (cosiddetto ‘bonus carovita’) pagato con lo stipendio di dicembre 2022. La cifra comprende inoltre un premio una tantum di produttività (Vap 2022) di 1.510 euro, sempre come welfare (930 euro per chi sceglie il pagamento in busta paga) e un contributo per la polizza odontoiatrica di 88,70 euro. L’accordo  riguarda anche la formazione finanziata in azienda che viene valorizzata e resa centrale, le nuove figure professionali della rete commerciale e l’allineamento dei congedi parentali al Ccnl.

Opa di De Agostini sulla controllata DeA Capital

Il gruppo de Agostini lancia un’Opa totalitaria sulla controllata DeA Capital, con l’obiettivo di cancellare la quotazione del titolo in Borsa. De Agostini controlla già il 67,062% di DeA Capital, l’offerta riguarda il 32,156% del capitale, pari a 85,7 milioni di azioni; i titoli rimanenti sono azioni proprie in portafoglio. L’offerta, che sarà lanciata attraverso la società Nova srl, è di un corrispettivo di 1,50 dollari per azione, inclusivo delle cedole relative a eventuali dividendi distribuiti dall’emittente, contro un prezzo di Borsa di ieri di 1,144 euro, per un controvalore complessivo di 128 milioni di euro.

Tokyo chiude in calo con Wall Street

Chiusura in netto ribasso per la borsa di Tokyo, condizionata dalle perdite di Wall Street e dallo yen in ripresa sui mercati valutari. L’indice di riferimento Nikkei 225 è sceso dell’1,59% a 27.777,90, mentre l’indice Topix ha ceduto l’1,64% a 1.953,98 punti.

Future deboli su Europa e Usa

Future in calo sulle principali borse europee, dopo il ribasso di Wall Street conseguente ai dati sull’occupazione. A Francoforte il future sul Dax cede lo 0,12%, mentre a Londra il future sul Ftse 100 è in calo dello 0,13%.

Contratti future in calo anche a Wall Street dopo la seduta negativa di ieri. Il Dow Jones segna un calo dello 0,13%, mentre il future sull’S&P 500 cede lo 0,14% e quello sul Nasdaq arretra dello 0,31%.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source