164524504 5440e462 6a9f 4a30 acdb c375b18cd657

L’Ema ha approvato il vaccino di Pfizer per i ragazzi tra 12 e 16 anni

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

164524504 5440e462 6a9f 4a30 acdb c375b18cd657

Anche i ragazzi europei da oggi hanno il loro vaccino contro il Covid. L’Ema, Agenzia Europea per i medicinali, ha approvato Pfizer-BioNTech per la fascia d’età tra 12 e 16 anni. “La decisione si basa su uno studio che ha arruolato circa 2.600 ragazzi” ha spiegato Marco Cavaleri, responsabile Ema. “Nessuno, fra i vaccinati, si è ammalato. Questo vuol dire che l’immunizzazione ha un’efficacia molto alta, senza particolari problemi di sicurezza”.

Domande e risposte: Vaccini per i ragazzi, che differenze ci sono rispetto agli adulti?

Pediatri e medici di base per i vaccini agli under 16. Oggi il via libera a Pfizer

Gli Stati Uniti avevano approvato il vaccino di Pfizer-BioNTech per la stessa fascia di età lo scorso 10 maggio. “Attendiamo di aspettare una richiesta simile anche da parte di Moderna, che valuteremo nelle prossime settimane” ha aggiunto Cavaleri. Come per gli adulti, Pfizer verrà somministrato – queste almeno le raccomandazioni Ema – in due dosi a 21 giorni di distanza. Il dosaggio è uguale a quello degli adulti. “Una dose minore viene testata in questo momento, ma solo nelle sperimentazioni in corso al di sotto dei 12 anni”.

“Con la vaccinazione ai giovani potremo dare una botta ulteriore a questa epidemia ” ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza alla conferenza stampa al ministero della Salute sull’analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di Regia.

I tempi, l’efficacia, i vantaggi. Guida al vaccino per i ragazzi

Una domanda dalla Spagna ha sollevato il tema anche di AstraZeneca. Il paese infatti ha sconsigliato un vaccino diverso per la seconda dose, visti i rarissimi casi di trombosi legati a quel vaccino. “E’ un tema delicato che stiamo ancora valutando” ha risposto Cavaleri. “I primi dati sembrano confortanti, per quanto riguarda l’uso di vaccini diversi tra prima e seconda dose”.



Go to Source