Letta da Fazio: “Elezioni anticipate? La tentazione ci sarebbe, ma avanti con questo governo”

Pubblicità
Pubblicità

Dopo il successo del Pd alle amministrative, “la tentazione del voto anticipato ci sarebbe”, ammette il segretario dem Enrico Letta ospite del programma di Fabio Fazio Che tempo che fa. Ma “non è il momento, bisogna tenere la barra dritta”, conclude il leader pd. E aggiunge: “In questo momento bisogna uscire dalla pandemia e proseguire su questa strada con un governo che sta facendo bene, sta impostando una legge di bilancio importante che deve dare segnali significativi su grandi temi come salute, istruzione e lavoro”.

Lavoro e pensioni

Proprio sul lavoro per Letta l’esecutivo deve dare “un forte messaggio. Noi vogliamo ridurre le tasse sul lavoro in modo tale che i lavoratori abbiano in busta paga più soldi. Stiamo creando una generazione di precari – avverte – e non va per niente bene”.  E sulle pensioni bisogna porre fine al sistema delle quote: “Il problema di fondo è che è sbagliato il metodo della quota. Quota 100 è stato un errore: chi ne ha usufruito ha avuto un vantaggio ed è contento ma per l’80% sono uomini, è uno strumento diseguale che discrimina le donne. Secondo me più che il tema della quota, le due cose da fare sono flessibilità a seconda dei lavori gravosi e poi dare un messaggio importante alle donne con Opzione donna”.

Campo largo del centrosinistra

Sull’allargamento del campo del centrosinistra, Letta cita il progetto delle agorà democratiche: “E’ un tentativo di dare un futuro alla coalizione di centrosinistra che ha appena vinto le elezioni amministrative rendendolo più ampio e facendo partecipare i cittadini”. E prosegue: “Lanceremo il progetto delle agorà democratiche per dare la possibilità a ogni cittadino non iscritto al Pd di discutere e mettere in campo le sue idee. Si tratta di una sorta di primarie del programma, un tentativo di allargamento del campo, discuteremo di temi con sei personaggi esterni: Carlo Cottarelli, Andrea Riccardi, Elly Shlein, Marta Frassoni, Gianrico Carofiglio e Annamaria Furlan”.

Pd, Letta riunisce a Roma la nuova alleanza dei progressisti mondiali

Il caso Monte dei Paschi di Siena

Sul caso Mps, Letta ritiene che la decisione del Mef interrompere il negoziato con Unicredit sia corretta:  “Io ho l’impressione che Unicredit pensava di partecipare a una svendita e invece il ministero del Tesoro è stato assolutamente corretto nel modo con cui ha portato avanti questa vicenda. Ora c’è bisogno di avere più tempo nel rapporto con l’Europa e dall’altro di avere più opzioni in campo. Credo che ci siano le possibilità di farlo. Da adesso in poi sono sicuro che ci saranno più opzioni”.

Approvare il ddl Zan

Rilancia infine la legge contro l’omotransfobia rivolgendo un appello al deputato dem Alessandro Zan che ne è il principale promotore: “Si confronti con le altre forze politiche. Si faccia carico del tentativo di trovare una intesa in Parlamento, poi ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Sulla base di quello che Zan dirà, sono sicuro si potrà approvare il testo in tempi rapidi. Abbiamo un dovere nei confronti della nostra società, dobbiamo portarla avanti e approvarla”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source