Licata: uccide fratello, cognata e due nipoti. Poi si spara

Pubblicità
Pubblicità

Le urla e poi gli spari. Una lite in famiglia si è trasformata in una strage. Un uomo ha ucciso il fratello, la cognata e i loro figli, di 11 e 15 anni. Poi si è suicidato mentre era al telefono con i carabinieri che tentavano di convincerlo a costituirsi. I militari hanno sentito uno sparo e hanno capito che si era tolto la vita. Quando i carabinieri sono arrivati nella palazzina di via Riesi, alla periferia di Licata, dov’è avvenuta la strage si sono trovati davanti una scena terribile.

L’indagine coordinata dalla procura di Agrigento sta ricostruendo cosa è accaduto in quell’appartamento, sembra che non fosse la prima lite, già nei giorni scorsi c’erano state altre discussioni animate, non è ancora ben chiaro il motivo. Ma nulla faceva presagire questo drammatico epilogo, è il racconto dei vicini di casa, ancora sotto choc per i colpi di pistola.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source