Lisa Vanzina accusa i David: “Avete avvilito la memoria di Carlo”

Pubblicità
Pubblicità

“Con le mie figlie, abbiamo appreso, di come l’Accademia del David di Donatello, si sia  già dimenticata di Carlo Vanzina, mio marito, il loro papà. Dare un premio a suo fratello (Enrico Vanzina ndr) e non un riconoscimento a Carlo, è stato, un gesto di ingratitudine verso un regista che ha girato ben oltre 60 film. Un gran signore del  cinema italiano a detta di tutti coloro che ci hanno lavorato in più di 40 anni di stimata carriera”. Lo dice Lisa Melidoni Vanzina accusando la giuria del David di aver “emarginato” il regista “avvilendone la memoria”.

La morte del regista

Carlo Vanzina è morto nel luglio 2018, a suo fratello Enrico Vanzina sarà conferito il David Speciale di Donatello 2023, lo ha annunciato Piera Detassis, presidente e direttrice artistica dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello. Il regista, con il padre Steno ha firmato il cult Febbre da cavallo, con il fratello Carlo ha siglato quarant’anni fa l’esplosivo successo di due film seminali, Vacanze di Natale e Sapore di mare.

“Un maestro”

Carlo Vanzina, prosegue la moglie, era “un maestro, un uomo umile, non per modestia ma per innata signorilità; sempre in punta di piedi, mai prevaricatore né arrogante né con smanie di protagonismo al contrario, di chi, millanta verità inesatte pur di esser sempre al centro di un attenzione non meritata”.

Ancora accuse

“Cara giuria del David, con la stessa superficialità che conferisce questo premio, avete emarginato un grande protagonista, un autore della commedia all’italiana, avvilendone la memoria non avendogli riconosciuto, neanche post mortem la sua infinita dedizione al nostro cinema. Del resto, si sa: chi è stato tanto amato in vita, con la morte diventa oblio degli indifferenti”, conclude nel suo atto d’accusa.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *