103541459 00cf07ce 5ee2 4233 9445 41b63e13c4c7

L’Istat migliora le stime per il 2021: Pil in crescita del 4,7%

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

103541459 00cf07ce 5ee2 4233 9445 41b63e13c4c7

MILANO – Dopo le previsioni incoraggianti di Banca d’Italia anche l’Istat rivede al rialzo le proprie previsioni di crescita per l’Italia. L’Istituto di statistica  prevede “una sostenuta crescita” del Pil italiano sia nel 2021 (+4,7%) sia nel 2022 (+4,4%). Numeri migliori per quanto riguarda il prossimo anno, rispetto a  quanto indicato dal governo nel Def meno di due mesi fa, quando si prevedeva per il 2021 una crescita del 4,5% e migliori del +4% ipotizzato a dicembre dallo stesso istituto.

Bankitalia, la ripresa si rafforza. Visco: “Crescita può superare il 4%”. Ora rendere permanente il debito comune per il bilancio della Ue

L’Istat,  nella sue prospettive sull’economia italiana per il, biennio 2021-2022, evidenzia “un consolidamento del processo di ripresa dell’attività economica con una intensità crescente nei prossimi mesi”. Lo scenario, si sottolinea, “incorpora gli effetti della progressiva introduzione degli interventi previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. L’evoluzione dell’occupazione, misurata in termini di Ula (Unità di lavoro), “sarà in linea con quella del Pil, con una accelerazione nel 2021 (+4,5%) e un aumento nel 2021 (+4,1%)”. L’andamento del tasso di disoccupazione rifletterà invece “la progressiva normalizzazione del mercato del lavoro con un aumento nell’anno corrente (9,8%) e un lieve calo nel 2022 (9,6%)”.

Confindustria vede la ripresa: “Pil in crescita e più occupati”



Go to Source