L’Italia ai play-off mondiali: una lunga sequenza di errori e il peccato originale in avanti

Pubblicità
Pubblicità

Non pensiamo che i play-off di marzo rispecchino il valore reale della Nazionale di Mancini, e che di conseguenza il titolo europeo di luglio — quattro mesi fa! — sia stato frutto di una felicissima congiunzione astrale. È evidente che in un grande torneo le squadre in grado di vincere siano quattro o cinque, e che all’interno di questo lotto all’Italia le cose siano girate bene (con Austria e Spagna, soprattutto): ma questo è un momento nel quale occorre restare freddi, analizzare gli errori commessi da Wembley a oggi e frenare l’ondata di malevolo disincanto che arriverà, uguale e contraria a quella che ci ha fatto celebrare qualsiasi scempiaggine con una medaglia di mezzo come figlia…

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

0,25 € alla settimana per tre mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,50€ a settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source